Focolaio di Coronavirus nel casertano, 11 positivi. Zona rossa a Mondragone

La notizia è ufficiale: a Mondragone, nei Palazzi di Cirio, c’è un piccolo focolaio di Coronavirus: sono stati accertati 11 pazienti positivi, tutti appartenenti alla comunità bulgara ma il numero potrebbe salire ancora.

I contagi sono emersi dai 220 tamponi prelevati tra ieri (68) e oggi (oltre 150). Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha disposto che residenti di cinque edifici non potranno uscire di casa per una settimana e dovranno essere sottoposti coattivamente ai tamponi.

La notizia è stata diramata dal Consigliere Regionale Giovanni Zannini attraverso un video in diretta si Facebook: “Il Presidente Vincenzo De Luca ha avocato a se il caso. La zona dei Palazzi Cirio verrà blindata ma, per ora, niente zona rossa.Tutti i residenti all’interno delle palazzine dovranno essere controllati, uno per uno anche con l’ausilio delle forze dell’ordine.Abbiamo intenzione di sottoporre a tampone circa 700 persone in una settimana, magari anche prima. Nessuno potrà entrare e uscire dall’area dei Palazzi Cirio fino a quando non saranno effettuati i controlli.”

Il complesso residenziale in questione si trova al centro della città, tra viale Margherita e la Domiziana, a due passi dal mare. Il sindaco di Mondragone Virgilio Pacifico, al termine di una riunione con il Prefetto di Caserta Raffaele Ruberto ha disposto la zona rossa per l’area dei palazzi Cirio che rimarrà in vigore per almeno sette giorni.

I Bobcat sono già al lavoro per chiudere con delle barriere new jersey in cemento e con transenne le tre vie di accesso al complesso residenziale.