Caserta, forti emozioni al Settembre al Borgo con Nicky Nicolai e Stefano Di Battista

Credit Photo © Franco Truscello nikonphotographers.it/francotruscello

Scintille ieri sera a Casertavecchia, nel vero senso della parola, con i due artisti romani Nicky Nicolai e Stefano Di Battista al concerto inaugurale di Settembre al Borgo 2019, con lo splendido sfondo delle luci e della luna sopra la torre del borgo medievale. Poco prima dello spettacolo la scia luminosa di una stella cadente, notata da molti spettatori già accomodati nel Teatro della Torre, è stato un appropriato segno benaugurante alla serata.

Incanto descritto in apertura anche dalla cantante Nicky Nicolai che dal 2005 collabora col marito Stefano Di Battista, tra i più importanti esecutori, arrangiatori e compositori jazz del panorama musicale italiano, voce espressiva e travolgente, fortemente accattivante.

Nicky Nicolai e Stefano Di Battista (una coppia affiatata anche nella vita), in scena con lo spettacolo/concerto “Mille Bolle Blu”, hanno aperto di fatto la 47esima edizione del “Settembre al Borgo”, diretto dal maestro Enzo Avitabile. Accompagnati da Andrea Rea (pianoforte), Daniele Sorrentino (basso) e Luigi Del Prete (batteria), ci hanno fatto rivivere alcuni grandi successi italiani degli anni ‘60 e ’70, attraverso un meraviglioso viaggio nel tempo, tra jazz, canzone d’autore e sonorità mediterranee.

Il genere coltivato dai due artisti non è propriamente jazz nel senso tradizionale, ma spazia dallo swing ai ritmi della bossa-nova, toccando anche la fusion. Un sax prorompente e virtuosistico quello di Stefano Di Battista che, nelle sue evoluzionistiche improvvisazioni, quasi fa perdere all’ascoltatore il punto di partenza, conducendolo ad un finale quanto mai imprevedibile!

Ieri sera il divertimento musicale innescato dall’artista ha visto direttamente partecipe il foltissimo pubblico che ha occupato lo spazio antistante la Torre di Casertavecchia: un’evoluzione “giocata” ed improvvisata sulle note di un brano tratto da un album dedicato alle donne e pubblicato recentemente (“Cocò“, ispirato quasi al “Cafè Chantant”), dove lo strumento ha avuto fisicamente un ruolo “scenico”, facendo corrispondere ad ogni suo movimento in alto, in basso o lateralmente, un crescendo o diminuendo che il batterista interpretava.

Praticamente, prima l’artista e poi alcuni spettatori scelti a caso muovevano il sax con le braccia nello spazio mentre Luigi Del Prete si divertiva a realizzare la corrispondente sonorità: alto=forte, basso=piano, mezza altezza=mezzoforte: dalla domanda rivolta al pubblico “Sapete cosa è il mezzoforte?” è nata una performance divertentissima.

Altrettanto divertente è stato il continuo dialogo ironico e fintamente provocatorio con cui Nicky Nicolai ha coinvolto gli spettatori durante tutto il concerto.

La voce della cantante è particolarissima: profonda, lunghe note tenute sia nei suoni gravi che in quelli acuti, grande vocalità maturata nello stile jazzistico e gioco di fiati notevole, sia nello staccato (ritmi sincopati), che nello spaziare con i suoni melodici. Virtuosismo, in alcuni momenti, di grande spessore, come in “E se domani” di Mina , “Caruso” di Lucio Dalla e “Quando” di Pino Daniele.

Nicky Nicolai, nella sua chiacchierata con il pubblico, ha dimostrato di essere un vero “animale da palcoscenico”, utilizzando forse anche le tecniche del teatro che, come lei stessa ha dichiarato, ha imparato nel suo corso.

Bellissima interpretazione del brano iniziale “Che mistero è l’amore“, che fece conoscere Nicky Nicolai al grande pubblico televisivo e con cui il duo si classificò al quarto posto a Sanremo 2005. “Più sole”, co-autrice la stessa Nicolai con Jovanotti (con cui parteciparono a Sanremo 2009) e la straordinaria, per ritmo e vocalità, “Dall’inizio nei finali” di Pasquale Panella.

Conclusione della serata una “Volare” interpretata con ritmi jazz-swing virtuosistici col sax di Di Battista, sul cui ritornello il pubblico si è divertito a cantare in coro.

Stasera il Settembre al Borgo continua con la “divina” Ornella Vanoni, sempre al Teatro della Torre di Casertavecchia, con lo spettacolo “La mia storia”. Anche questo evento è ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.