Francesco Paolantoni al Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere in “O Tello…o io”

SANCARLO50-700
glp-auto-700x150
previous arrow
next arrow

Francesco Paolantoni sarà al Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere (Ce) sabato 16 e lunedì 18 marzo 2024, alle ore 21.00, con lo spettacolo dal titolo “O Tello…o io” presentato da “I Due Produzioni” per Teatro Pubblico Campano.

“O Tello…o io” è scritto e diretto da Francesco Paolantoni con Stefano Sarcinelli, Arduino Speranza, Raffaele Esposito, Viola Forestiero, Felicia del Prete. Scene di Mauro Paradiso, costumi di Anna Zuccarini, musiche di Antonio Annona. Info: 0823799612.

Terrazza Leuciana
Terrazza Leuciana
previous arrow
next arrow

Sabato 16 marzo alle ore 19.00, nell’ambito de “Il Teatro degli Incontri”, Francesco Paolantoni e Stefano Sarcinelli saranno ospiti al Salone degli Specchi del Teatro Garibaldi per un incontro con il pubblico, condotto da Mimmo Cice. L’ingresso è gratuito.

Sinossi dello spettacolo

Una serata filo…drammatica, è uno spettacolo con scrittura ispirata alla commedia dell’arte, dal ritmo veloce, e con il meccanismo del “teatro nel teatro” e racconta le disavventure di una compagnia amatoriale (tutti sempre rigorosamente in scena) che nel primo atto è intenta a fare le prove di uno spettacolo che debutterà l’indomani sera.

Il testo scelto dal regista, (sicuro che le compagnie amatoriali, non dovendo subire i tagli alla cultura e allo spettacolo sono l’unica risorsa per portare avanti il teatro) un po’ per allontanarsi dal classico repertorio eduardiano delle compagnie amatoriali un po’ perché’ vuole affrontare il tema della gelosia, sentimento che solitamente tende a rovinare i rapporti con un modello universale: Otello.

il primo atto si sviluppa tra il tentativo di provare lo spettacolo, le deliranti discussioni interpersonali tra i vari attori, le dissertazioni psicologiche sui rapporti e la disperazione per la notizia che l’attore, che avrebbe dovuto interpretare il protagonista, non verrà più.

L’unica soluzione possibile sarà che il regista stesso dovrà interpretare Otello senza conoscerne la parte.

Nel secondo atto, col palcoscenico diviso in due, da una parte lo spettacolo in corso e dall’altro i camerini, si assisterà simultaneamente e contemporaneamente sia alla impietosa messa in scena di Otello (con un inevitabile finale diverso che mai avrebbe immaginato Shakespeare) sia agli strambi eventi degli attori affrontati nei camerini.

Il finale oltre a essere imprevedibile non sarà un vero finale, perché’…