Francesco Puccio a Capua il Luogo della lingua festival con L’amore ai tempi dei Greci e dei Romani

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

A Capua, venerdì 14 giugno alle ore 19:00, si terrà un nuovo evento nell’ambito di Capua il Luogo della Lingua festival, curato da Giuseppe Bellone come direttore artistico: sarà presente Francesco Puccio, rinomato ricercatore, autore e regista teatrale. Durante l’evento, Puccio ci guiderà attraverso la sua affascinante opera letteraria intitolata “I Greci, i Romani e… l’amore“, pubblicata da Carocci Edizioni.

Il dialogo sarà arricchito dalla partecipazione di illustri ospiti come Clara Di Rubba e Michele Casella. Questo evento rappresenta un’opportunità unica per esplorare antichi miti e temi universali come l’amore, che mantengono ancora oggi una forte rilevanza nella nostra società.

Bruno-Cristillo-Fotografo
simplyweb2024-336
Bruno-Cristillo-Fotografo
previous arrow
next arrow

Francesco Puccio è originario di Cava de’ Tirreni ed è un brillante ricercatore presso l’Università di Padova. La sua passione abbraccia il mondo del teatro antico greco e latino e la sua interazione con le dinamiche della scena contemporanea. Oltre ad essere autore e regista teatrale, Puccio è anche il creatore e direttore artistico del progetto d’avanguardia “L’antico fa testo”, che esplora la performatività del mito classico nella modernità scenica. Ha scritto romanzi come “Stelle fuori posto” (2010) e “Mathilde bianca di calce” (2013), pubblicati rispettivamente da Albatros e Marlin. Inoltre, ha contribuito al mondo della drammaturgia con saggi importanti come “L’antropologia va in scena. Nuove dimensioni teatrali per l’Antico” (ETS, 2017) e “Drammaturgia dello spazio. Il teatro antico tra testo e contesto della rappresentazione” (Padova University Press, 2018). La sua genialità si è manifestata anche attraverso la realizzazione di numerosi progetti teatrali in siti archeologici ed esposizioni museali in tutto il paese, dove ha saputo trasmettere la grandezza intramontabile del mito antico nel contesto contemporaneo.

Attraverso le pagine di questo volume intitolato “I Greci, i Romani e… l’amore“, l’autore analizza come gli antichi Greci e Romani si innamoravano. Il libro esplora i meravigliosi luoghi della poesia e della prosa greca e latina seguendo le tracce dell’enigmatica divinità Eros. Eros si manifesta in modi dolci o gioiosi ma anche terribili o dolorosi; a volte giocoso o scherzoso ma altre volte oscuro o ingannevole. Lungo questo viaggio emozionante il lettore incontra personaggi che hanno vissuto amori complessi o che hanno trovato nell’amore una resistenza finale contro la morte; coloro che si sono abbandonati ai piaceri segreti di Afrodite o che hanno visto mente e corpo trasformarsi spinti dalla passione. Saranno raccontate anche le peripezie e i turbamenti affrontati da alcuni prima di poter finalmente godere di un lieto fine. È un viaggio ricco di suggestioni alla scoperta di questa forza eterna ed inarrestabile capace di muovere il mondo e le creature che lo abitano.