Freni a disco: come accorgersi quando qualcosa non va

Freni a disco

Problemi con i freni a disco? Non temere è una condizione ciclica di ogni vettura. I dischi freno sono una delle parti più importanti dell’impianto frenante della nostra automobile e per tale ragione la loro manutenzione è di fondamentale importanza.  Occorre sempre verificare che sia i dischi che le pastiglie non presentino segni di usura.

Gli esperti consigliano la sostituzione dei dischi almeno ogni 80 mila chilometri. Al momento numerose attività sono in lockdown ma trovare dischi freno a buon prezzo è possibile su tuttoautoricambi.it un sito che offre una vasta scelta di ricambi auto, in un momento in cui il fai da te potrebbe tornarci utile. È pur vero che la mancanza di professionisti al lavoro si fa sentire, ma alcuni accorgimenti possono preservare l’efficienza della nostra automobile.

Freni a disco come sono fatti?

In linea generale possiamo dire che i freni a disco sono costituiti da un disco di acciaio o ghisa agganciato alla ruota, questo viene frenato da un sistema a “tenaglia” che spinge le pastiglie da entrambi i lati ed è proprio questo che genera la frenata del veicolo. Nota che l’intensità della frenata dipende appunto da quanto il conducente spinge sul freno, ma anche dalla pressione del liquido.

E’ importante anche fare attenzione al livello del liquido dell’impianto frenante perché i freni a disco, vengono avviati proprio dal sistema idraulico.

Tutte le auto ormai sono dotate di freni a disco nelle ruote, ma sono le pastiglie l’elemento essenziale senza il quale il sistema di frenata non può funzionare correttamente.

Ti sarà certamente capitato di sentire uno stridio durante una frenata, uno stridio che poi si ripete di continuo, ciò vuol dire che le pastiglie sono usurate ed è necessario cambiarle. Se l’auto non frena correttamente è il momento di correre ai ripari.

Cambiare i dischi è possibile il fai da te?

È possibile ma è essenziale avere un minimo di conoscenza della propria vettura e di come è fatto il sistema frenante.

Prima di iniziare è meglio indossare dei guanti da lavoro, per avere maggiore grip e per proteggere le mani. Utilizza il crick in dotazione e solleva il tuo autoveicolo proprio come quando cambi una gomma. Per prima cosa devi svitare i bulloni che sostengono la staffa della pinza, dopodiché puoi rimuovere la pinza.

Una volta effettuata questa operazione devi rimuovere il disco, per allentarlo puoi aiutarti con un martello, perché spesso la ruggine lo rende piuttosto duro. Una volta posizionato il nuovo disco è buona norma applicare un detergente antiruggine che preservi il metallo del disco. Fai attenzione a ripristinare tutto ciò che hai rimosso in precedenza bulloni, staffe e riposiziona le pinze come in origine.

Rimonta la ruota e per i prossimi 100 km evita di frenare bruscamente, se possibile circola in zone poco trafficate in modo da testare accelerate e frenate. Un segnale che i freni funzionano correttamente è la resistenza o durezza di quando si pigia sul freno, se però questa durezza persiste probabilmente il livello del liquido è insufficiente e occorre fare il cambio. Se non riesci puoi rivolgerti a un punto autorizzato.

Freni e sicurezza stradale sono due facce della stessa medaglia, avere un impianto frenante efficiente può sicuramente ridurre il pericolo di incidenti stradali.

Ormai quasi tutte le auto montano freni a disco, certamente più sicuri rispetto quelli a tamburo e offrono prestazioni decisamente migliori, ma è essenziale sottoporre l’auto a manutenzione periodica