“Fuga dal Museo”: 40 sculture della Collezione Farnese evadono per vivere in città. Dal 2 dicembre a Napoli

Come potrebbe essere la “vita” delle sculture della Collezione Farnese se potessero lasciare per una volta i loro piedistalli e vivere la città?

Detto fatto, con la mostra “Fuga dal Museo“, un allestimento singolare che vedrà i capolavori del Museo Archeologico sparpagliati per le strade di Napoli.

Quaranta fotomontaggi in tutto, e tra questi  l’Afrodite di Capua che si affaccerà a stendere i panni, un nobile romano che attenderà l’autobus di via Caracciolo assieme ad una matrona, o il Doriforo che passeggerà lungo i binari della linea Metro 1.

All’appello non mancheranno i capolavori di Canova: la “Danzatrice con le mani sui fianchi” si esibirà, infatti, in vico san Domenico, mentre Amore e Pische si abbracceranno teneramente nel Real Orto Botanico.

L’idea porta la firma di Dario Assisi e Riccardo Maria Cipolla che già l’anno scorso organizzarono una mostra dalle tematiche simili dal titolo “Fantasmi a Pompei”, e che vide le figure dei mosaici e affreschi del Mann “tornare” sulle strade degli scavi della città sepolta dall’eruzione del 79.

Quest’anno l’allestimento, che omaggia le statue custodite nell’ex Palazzo degli Studi, sarà presentato il 2 dicembre alle 17 nella Sala del Toro Farnese, e sarà visitabile fino al prossimo 24 febbraio.