A fuoco il Cdr di Santa Maria Capua Vetere. C’è una nube nauseabonda alta nel cielo

Foto tratta da Facebook

Santa Maria Capua Vetere – Ci risiamo, a distanza di pochi giorni un altro centro di stoccaggio rifiuti ha preso fuoco. Questa volta è toccato al Cdr di Santa Maria Capua Vetere, dove è andato a fuoco uno dei capannoni contenente i rifiuti destinati all’inceneritore di Acerra.

Un odore acre si avverte in tutta la zona circostante e una nube minacciosa si è alzata nel cielo. Alle persone che abitano in zona si consiglia di chiudere bene le finestre e di uscire di casa solo in caso di effettiva necessità.

Sul posto si sono recate cinque autobotti dei Vigili del Fuoco per spegnere le fiamme che si sono propagate nel giro di pochi minuti. Presenti anche la Polizia di Stato, i Carabinieri e la Polizia Municipale.

Il Comune ha diffuso il seguente comunicato: “In relazione all’incendio che sta interessando un capannone deposito all’interno dell’area dello Stir di Santa Maria Capua Vetere, si informa che lo stesso ha interessato frazione secca già tritovagliata. Sul posto sono stati presenti, fin dai momenti immediatamente successivi all’incendio, cinque squadre dei vigili del fuoco, gli agenti del locale commissariato, i carabinieri della locale compagnia, il Comando di Polizia Municipale, gli amministratori della città di Santa Maria Capua Vetere e il Responsabile dell’UTC Giancarlo D’Aco. La nube di fumo, generata dall’incendio, per via dell’alta pressione si dirige verso l’alto e non ha interessato il territorio della città di Santa Maria Capua Vetere. Siamo presenti sul posto, vi aggiorneremo costantemente.

Loading...