Il futuro del Macrico tra ecologia integrale e prevedibili rischi: lunedì 28 novembre, Biblioteca del Seminario di Caserta

Una panoramica dall'alto dell'area ex Ma.Cri.Co
SANCARLO50-700
delpicar700
ENJOY1
previous arrow
next arrow

Il Comitato MACRICO organizza un incontro pubblico dalle ore 16,00 nella sala della Biblioteca del Seminario di Caserta sul tema: Il futuro del Macrico.

Interverranno:
Mons. Giovanni Ricchiuti, Presidente consiglio nazionale Associazione Pax Christi
Arch. Antonella Caroli, Presidente nazionale Italia Nostra
Dott. Gaetano Rivezzi, membro direttivo nazionale Medici per l’Ambiente ODV-ISDE Italia
Arch. Luigi De Falco, Consigliere nazionale Italia Nostra
Arch. Milena Biondo, Presidente WWF Caserta
Arch. Vezio De Lucia, Urbanista.

Sono stati invitati:
Mons. Pietro Lagnese, Vescovo di Caserta
Mons. Giovanni Vella, Presidente Fondazione Casa Fratelli Tutti
Don Antonello Giannotti, Presidente Istituto Diocesano Sostentamento Clero Diocesi Caserta
Dott. Elpidio Pota, Segretario Fondazione Casa Fratelli Tutti.

Stiamo vivendo tempi di drammatici cambiamenti climatici, con eventi atmosferici estremi che mettono a dura prova il modello di società e di antropizzazione imposto col secondo dopoguerra, a partire dal boom economico degli anni 1950. Nell’attuale fase, di inverno demografico, abbiamo il dovere di trovare altre soluzioni, più sostenibili e capaci di accogliere le sfide del futuro, per la salvaguardia del Creato propugnata con forza visionaria e missionaria da Papa Francesco.

Nel nostro piccolo mondo provinciale, alle emergenze globali si affiancano quelle derivanti da scelte urbanistiche dissennate che hanno prodotto la cementificazione di ogni area libera e l’abbattimento pezzo per pezzo, strada per strada, del centro storico sette-ottocentesco di Caserta. Ora siamo in una fase di svolta, di definizione, senza ritorno, del futuro della città mediante le scelte urbanistiche e progettuali che saranno adottate per il MaCRiCO.

Da un lato c’è la possibilità di invertire davvero la rotta del declino inesorabile di Caserta e del suo territorio e fondare una vera ecologia integrale, come noi crediamo sia possibile e a portata di mano. L’alternativa è la sconfitta definitiva, una più o meno veloce scivolata verso la definitiva cementificazione della città, mascherata da un ecologismo o ambientalismo di facciata (greenwashing), magari nascosto sotto la firma di un grande studio di architettura.

Quale destino ci attende? Quale destino vogliamo per la nostra città e per le città dei dintorni che gravitano su Caserta (per oltre 200.000 abitanti?)