GAL Alto Casertano. Campagna di animazione territoriale e ascolto degli stakeholders

Il Presidente del GAL, Manuel Lombardi.
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Confronto con i sindaci e gli amministratori dei 17 comuni del Matese, con i presidenti del Parco Regionale e della Comunità Montana matesina e con i rappresentanti delle associazioni, degli enti e degli organismi operanti nella zona del Matese

Venerdì 19 alle ore 17.00, II° evento nel Matese di restituzione finale dei risultati della campagna di ascolto e animazione

Appuntamento oggi venerdì 19 maggio, con inizio alle ore 17 all’auditorium comunale di San Potito Sannitico, per un confronto con i sindaci, gli amministratori e gli attori istituzionali del comprensorio montano, dell’agro caiatino e della media valle del Volturno sulle scelte di comuni, associazioni e partenariato locale sugli asset strategici della prossima programmazione del PSR.

glp-auto-336x280
lisandro

Secondo evento di restituzione dei risultati finali della campagna di animazione e ascolto del territorio, domani, venerdì 19 maggio, presso l’auditorium comunale di San Potito Sannitico.

All’indomani del primo e molto partecipato incontro svoltosi a Formicola sempre sugli esiti del ciclo di appuntamenti promossi nei mesi scorsi nell’area a nord di Terra di Lavoro, nell’ambito del supporto preparatorio alla stesura della nuova Strategia di Sviluppo
Locale, il GAL Alto Casertano domani, con inizio alle ore 17, si confronterà con i sindaci e gli amministratori dei 17 comuni del Matese, con i presidenti del Parco Regionale e della Comunità Montana matesina e con i rappresentanti delle associazioni, degli enti e
degli organismi operanti nella zona del Matese.

I saluti istituzionali del sindaco Francesco Imperadore, e l’introduzione del coordinatore del Gruppo di Azione Locale, Pietro Andrea Cappella, precederanno l’analisi dei risultati e dei dati derivanti dalle scelte e dalle preferenze espresse dai tanti stakeholders
interpellati ed ascoltati sin qui, con il tradizionale metodo del bottom up, su quali dei cinque ambiti strategici individuati dalla Regione Campania da porre alla base della prossima programmazione 2023/2027.

Solo due di questi asset potranno essere sviluppati ed inseriti nella strategia di sviluppo locale che il GAL dovrà elaborare nelle prossime settimane ed attuare, in sinergia con gli enti istituzionali del territorio, nel prossimo quinquennio per sviluppare e far crescere l’Alto Casertano attraverso i fondi del PSR 2023/2027.

Ad illustrare lo studio condotto sulla base delle preferenze e dei bisogni emersi dagli studi, dalle analisi e dai focus group effettuati in questi lunghi mesi di attività di divulgazione ed informazione rivolte agli attori locali del territorio, saranno docenti e ricercatori del dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi dell’Università degli Studi del Sannio.

Seguirà un commento sugli esiti con i sindaci e gli amministratori locali e con i rappresentanti di enti, organismi ed associazioni presenti nel Matese, prima delle conclusioni che saranno tratte dal presidente del GAL, Manuel Lombardi.

Abbiamo compiuto in questi mesi un intenso percorso tra incontri e confronti con gli attori istituzionali locali per costruire dal basso ed in maniera partecipata, una nuova strategia di sviluppo locale che andremo a realizzare nell’Alto Casertano con la nuova programmazione 2023/2027.

La scorsa settimana a Santa Maria C.V. con i nuovi comuni di nostra competenza, ieri a Formicola con l’area del Monte Maggiore, del comprensorio caiatino e della media valle del Volturno, e domani a San Potito con la zona del Matese discuteremo degli ambiti strategici maggiormente confacenti ai punti forza e di debolezza del nostro territorio su cui perseguire, nei prossimi 5 anni, le politiche comuni di sviluppo e crescita”, dichiarano Lombardi e Cappella del GAL.