Gar Caserta, martedì 28 luglio primo incontro post covid ai campetti della Saint Gobain: programmazione en plein air

#AnimeGreen, ci si rivede all’aperto. Un incontro corale per salutarsi e programmare.

La pandemia ha messo a dura prova un intero pianeta, salute, economia, equilibrio psicofisico. Il post Covid, tra l’altro, con le dovute cautele scaturite dai nuovi focolai, non è ancora arrivato veramente.

Anche il Gar Caserta, il gruppo di donne che combattono le solitudini sociali sul territorio con una piccola rete di supporto, ha registrato una lunga pausa, fatto salvo per qualche incontro sporadico e autonomo organizzato da qualcuna delle partecipanti.

Effettivamente l’incontro ufficiale con l’ormai noto cerchio delle confidenze manca da ormai 4 mesi – racconta Mariagrazia Manna, coordinatrice del Gar – l’emergenza prima e le norme di distanziamento sociale poi hanno impedito di riunirci, aldilà della questione assembramenti, vale proprio il discorso del non contatto. L’abbraccio fa parte dei nostri incontri proprio come terapia“.

Ma il Gar ha un’assoluta necessità di ripristinare le attività, il senso di questo progetto sta infatti proprio nella presenza, nell’esserci, nel donare il conforto della presenza innanzitutto. 

Proprio per questo si è deciso ad un incontro sicuramente informale ma utile per vari obiettivi, a partire dai saluti, alla programmazione”.

Domani 28 luglio alle ore 19.30 il GAR si incontrerà finalmente ai campetti della Saint Gobain a Caserta, nell’area adiacente la via delle Industrie. 

La scelta è stata obbligata – spiega ancora Mariagrazia – un luogo all’aperto dove poter rispettare le norme di distanziamento, e soprattutto dove poterci ritrovare tutte senza problemi di spazio. 

Prima di cominciare il nostro cerchio delle confidenze, come siamo abituate a fare, potremo effettuare degli esercizi di respirazione per rilassarci e consentire alle nostre menti di fare pulizia dai problemi della giornata e ai nostri corpi di scaricare la tensione.

Poi finalmente faremo ciò che più ci piace fare, raccontare le nostre vite, i nostri pensieri, le idee, scambiarci ospitalità e numeri di telefono, fare gruppo. Infine un po’ di programmazione per agosto”.

Il Gar non chiude. Ci saranno dunque altre occasioni di incontro per coloro che restano in città e per consolidare la rete di supporto”.

Ricordiamo che il Gar non è un’associazione, non ha bisogno di iscrizioni, la sua frequenza è assolutamente gratuita. Anzi l’appello è di invitare chiunque abbia bisogno di stare insieme, di compagnia, di aprirsi un po’, semmai dopo un lungo periodo di chiusura.

Dunque Campetti Saint Gobain, martedi 28 luglio ore 19.30. Portare con sé un materassino o telo, una bibita fresca, la mascherina.