Garante dei disabili: “Liste di attesa che non rispettano i tempi, allarme intramoenia in Campania”

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

L’urgenza in cui versa la sanità sono liste di attesa che non scorrono, rispetto dei tempi di attesa garantiti solo in percentuali basse (il 15-20%, comunque meno della metà) e una situazione di allarme per l’intramoenia in Campania, dove il numero di prestazioni erogate nel canale pubblico è inferiore, per tutti gli esami e le visite monitorate, a quelle erogate in intramoenia.

Nelle scorse settimane Cittadinanzattiva ha avviato una istanza di accesso civico presso le Regioni (il resoconto sarà diffuso nelle prossime settimane) per conoscere i dati relativi alle prestazioni sanitarie erogate in regime pubblico e in intramoenia.

glp-auto-336x280
lisandro

Ma anche per verificare gli eventuali provvedimenti messi in atto dalle amministrazioni laddove sia stato superato il limite previsto dal Piano nazionale di governo delle liste di attesa nel rapporto tra le due attività.

Particolarmente allarmante il quadro della Campania, dove la stessa Regione segnala che il numero di prestazioni erogate nel canale pubblico è inferiore, per tutti gli esami e le visite monitorate, a quelle erogate in intramoenia, questo vale presso tutte le Aziende ospedaliere”, spiega Cittadinanzattiva.

Nel 2022, ad esempio, presso l’Ospedale Cardarelli di Napoli sono state somministrate 1255 visite ortopediche in intramoenia e nel pubblico 112;

presso l’Ospedale dei Colli sempre a Napoli, nessun eco addome è stato
somministrato nel pubblico, ne sono stati fatti 111 in intramoenia;

presso
l’Ospedale Moscati di Avellino, sono state somministrate 7 visite
cardiologiche pubbliche e 979 in regime di intramoenia;

al San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona a Salerno, effettuate 91 ecografie ostetriche nel canale
pubblico e 329 in intramoenia.

In alcune situazioni l’intramoenia, insieme al pronto soccorso, è diventata per paradosso la principale porta di accesso dei cittadini al Servizio Sanitario nazionale, rallentato da tempi di attesa troppo lunghi.

Siamo dunque di frontea d un uso distorto di quella che dovrebbe essere una possibilità di scelta per il cittadino, e non una necessità.

Mentre le liste d’attesa rimangono unae mergenza che va contrastata urgentemente per riaffermare il diritto dei cittadini alla salute pubblica.

Il Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Campania,
l’avvocato Paolo Colombo dichiara: “occorre intervenire sulle liste d’attesa
attraverso un investimento sulle risorse umane e tecniche e un conseguente
ampliamento degli orari di apertura al pubblico degli ambulatori, nonché
attraverso la messa in rete nei Cup delle agende di prenotazione di tutte le
strutture sanitarie pubbliche e private convenzionate per favorire una migliore programmazione e trasparenza dei tempi di attesa.

E non da ultimo bloccando, a livello regionale, le prestazioni in intramoenia laddove queste superino come numero quelle erogate nel canale pubblico, come previsto dallo stesso Piano
Nazionale di Governo delle liste di attesa.”