Gioielli in crisi: dal Tarì di Marcianise la nuova strategia per gli acquisti di Natale

Gioielli in crisi: dal Tarì di Marcianise una nuova strategia per gli acquisti di Natale

Mentre è attesa per domani alle 14.30 la videoconferenza organizzata da Federpreziosi Confcommercio per affrontare con le aziende al dettaglio le criticità del comparto gioielli tra cali di vendite e limitazioni imposte dalla zona rossa, il centro orafo “Il Tarì” di Marcianise si fa promotore di una nuova campagna in vista del Natale nella quale il gioiello diviene ponte che unisce le persone e ci ricorda che si può restare vicini a chi si ama, anche a distanza.

Il Centro Orafo Il Tarì, punto di riferimento nel mondo orafo nazionale e internazionale, ha deciso di rispondere concretamente alle difficoltà che tutto il comparto sta vivendo, promuovendo una campagna multicanale in vista del Natale.

Lo scenario attuale è caratterizzato da forte incertezza e instabilità e oggi, più che mai, è necessario che tutti i rappresentanti del settore cooperino fra loro e si impegnino in prima persona, in vista di un obiettivo comune, ossia rilanciare il mercato e soprattutto il Made in Italy.

Vincenzo Giannotti presidente TarìIl Presidente del Centro orafo, Vincenzo Giannotti, ha dichiarato: “In questi tempi difficili, era nostro dovere dare un esempio concreto di sostegno a tutta la nostra filiera e soprattutto lanciare un segnale di positività per la ripresa del mercato italiano”.

La campagna coinvolge soci e rivenditori del Centro, fino ad arrivare al consumatore finale, che viene invitato ad una riflessione sul valore indiscusso dell’artigianato italiano e sull’essenza racchiusa dentro ogni gioiello.

Il Natale è un momento cruciale per il nostro settore, e quest’anno, proprio quando le persone sono costrette a restare lontane per via delle restrizioniil gioiello viene ad assumere una nuova e più marcata identità: diviene un ponte che unisce e colma ogni distanza” commenta Tiziana Di Gennaro, Consigliera di Amministrazione del Tarì.

L’economia italiana ha bisogno di rilanciarsi e questa campagna vuole sensibilizzare il consumatoresu quanto sia importante in questo momento investire su prodotti del nostro Paese. Investire sulla qualità e la professionalità degli artigiani italiani, che tramandano i segreti del mestiere con amore e dedizione, generazione dopo generazione. E proprio la tradizione e la professionalità degli artigiani orafi contribuiscono a dare un’animaa questi gioielli che,anno dopo anno, continueranno a ricordare attimi di vita, parole, emozioni.

L’iniziativa coinvolgerà la stampa tradizionale, i canali social del Tarì e dei soci e infine le vetrine dei rivenditori che parleranno direttamente al consumatore finale. Ogni rivenditore e produttore potrà personalizzare con il proprio logo la campagna così da acquisire visibilità e ottenere un aiuto concreto in un periodo nel quale comunicare e raggiungere le persone è sempre più difficile.

Un chiaro messaggio di unità e vicinanza che Il Tarì vuole donare a tutti gli interlocutori del suo centro. Un dono, di cui il gioiello ne è simbolo per eccellenza, che vuole trasmettere il segnale che solo insieme si può uscire dalla crisi.

Nato più di vent’anni fa in un’area strategica alle porte di Napoli, il Tarì è un riferimento nazionale ed europeo per la produzione e distribuzione di gioielleria, oreficeria e accessorio moda.La particolare identità del Tarì, che ricorda nel nome un’antica moneta aurea di origine araba, introdotta in Italia meridionale nel 912 d.c., si esprime attraverso una filiera del gioiello completa, nella quale produzione, distribuzione, servizi artigianali, opportunità di business sono integrati in una piattaforma innovativa di servizi e prodotti. Ogni giorno Il Tarì è popolato da oltre 350 aziende,2500 addetti e 3500 visitatori professionali, per un totale di 400.000 visite annuali.