“Una goccia nell’oceano”, l’iniziativa di Confindustria a favore dei più deboli

Già consegnati circa 1000 pacchi alimentari in tutta la provincia. Nel giro di 20 giorni si arriverà a quota 3000

 Sono diverse le iniziative di solidarietà intraprese dalle aziende associate a Confindustria Caserta per sostenere le fasce sociali più deboli in questa fase resa estremamente difficile dall’epidemia di Coronavirus. L’obiettivo dell’Unione degli Industriali è stare accanto a chi ha più bisogno, soprattutto in prossimità delle festività pasquali, che quest’anno saranno celebrate in una maniera del tutto anomala.

Una Pasqua un po’ più serena è quella che intende regalare l’azienda M. Car, concessionaria ufficiale Bmw e Mini, operante a Caserta, Teverola e Pozzuoli. La realtà imprenditoriale guidata da Gaetano Pascarella ha confezionato 600 pacchi contenenti generi alimentari di prima necessità (pasta, latte, pomodori pelati, caffè) da destinare alle famiglie bisognose dei tre Comuni in cui è presente. Il gruppo imprenditoriale ha lavorato in collaborazione con i settori Politiche Sociali dei Comuni e fino alla giornata di domani, sabato 11 aprile, provvederà alla consegna dei pacchi. A questo progetto hanno partecipato anche altre due aziende associate a Confindustria Caserta, ovvero “Pasta Reggia” della famiglia Pallante e Yma, impresa del settore lattiero-caseario operante a Pignataro Maggiore.

E proprio la Yma sta portando avanti un’altra iniziativa di solidarietà, con la donazione di 30mila litri di latte intero a lunga conservazione alla Caritas di Caserta e alle parrocchie del Capoluogo e delle zone limitrofe. L’operazione è già in atto da alcuni giorni e ha visto il coinvolgimento anche della sezione di Caserta della Croce Rossa Italiana. Per far fronte al perdurare delle difficoltà che riguardano le fasce sociali più deboli della popolazione, la Yma sta pensando di aumentare i quantitativi di latte da donare, arrivando fino alla quota di 100mila litri e coinvolgendo anche i diversi punti vendita del territorio, con delle apposite confezioni “omaggio” da consegnare direttamente ai cittadini che ne avranno necessità.