Grandi numeri par la Festa di Sant’Antuono a Macerata Campania. Giovedì 23 gennaio la chiusura

Si ricorderà l’edizione 2020 della Festa di Sant’Antuono a Macerata Campania per la grande partecipazione di pubblico e per le bellissime giornate, con un boom di oltre 30mila presenze nei giorni di festa.

Oltre 1200 bottari, 18 carri e altrettanti capocarri, questi sono i numeri di un evento che ormai ha oltrepassato i confini dell’Italia. Il sole splendeva in cielo e nel Paese della Pastellessa dove si sono susseguiti tantissimi eventi. Le serate fredde non hanno impedito ai cuori dei cittadini e dei partecipanti alla kermesse di scaldarsi, di sorridere e di gioire per Sant’Antuono.

“La grande partecipazione di turisti e visitatori provenienti da tutta l’Italia e anche dall’estero conferma il trend di crescita delle edizioni precedenti dell’evento, cofinanziato per il terzo anno consecutivo dalla Regione Campania”, commenta così il Sindaco Stefano Antonio Cioffi.

Un successo che si deve al lavoro svolto dal Comune di Macerata Campania con il Sindaco Cioffi, l’Assessore Andrea Di Matteo, l’Amministrazione Comunale tutta e la Commissione Consiliare sulla festa; dalla ONG UNESCO Associazione Sant’Antuono & le Battuglie di Pastellessa con il presidente Alfonso Munno, il vice presidente Domenico Salzillo, il segretario ingegnere Vincenzo Capuano, che ha curato la direzione artistica dell’evento, Vincenzo Polcari e i soci tutti con gli instancabili Gaetano Gagliardi e Luigi Zigurella che hanno garantito in modo impeccabile lo svolgimento delle sfilate dei carri;

dai “Carristi” che hanno lavorato tantissimo per arrivare preparati alla festa antoniana – e quindi ai componenti dalle 18 battuglie: Cantica popolare caturanese, Vecchie maniere, I guagliuni ‘e Sant’Antuono, ‘A passione ‘e Sant’Antuono, ‘A sellara, Suoni antichi, Cantica popolare, ‘U carr’ ‘e Casavr’, Pastellesse Sound Group, I ragazzi del 2000, La piccola compagnia de “I punto esclamativo”, L’epoca nov’, ‘A cumpagnia ‘e Sant’Antuono, L’anema ‘e Sant’Antuono, ‘O ritorno ‘e Sant’Antuono, La compagnia del 2011, I wagliun ra vie ‘e for, ‘U carr’ ‘e vasc’ ‘o vasto -;

dalla Parrocchia San Martino Vescovo diretta dall’Abate don Rosario Ventriglia, attenta allo spirito religioso della manifestazione;

dalla Polizia con il Commissario Antonio Sepe, i Carabinieri con il Maresciallo Baldassarre Nero, la Finanza, la Polizia Municipale con il Tenente Stanislao Veccia, la Protezione Civile e la Security nel garantire l’alto livello di sicurezza della manifestazione;

dallo staff tecnico con il RUP Domenico Giannetti, l’ingegnere Lorenzo Vallone e l’ingegnere Giovanni Stellato; dai tanti volontari che hanno lavorato senza sosta nei giorni di festa;

dall’Istituto Comprensivo di Macerata Campania diretto dalla dirigente Concetta Maiello e i docenti tutti sempre attenti nella salvaguardia delle tradizioni locali;

dalla rete di Associazioni che sostiene da oltre 10 anni la festa ovvero l’Associazione Na Chiacchiera di Recale con Maria Rita Magnotta, Enza Rauccio, Patrizia Merola, Luigi Cerrone, Ida Borrelli e tutti i soci per aver costruito un bellissimo gruppo nella realizzazione dei Laboratori e della Mostra, a cui si aggiunge il lavoro dell’Associazione Radici di Marcianise e delle Majorette Shine Stars di Casal di Principe;

dagli organi di informazione sempre attenti alla manifestazione con un ruolo fondamentale nella valorizzazione.

“Un infinito grazie va alla città di Macerata Campania, accogliente e paziente, che costantemente mantiene in vita un bene così prezioso chiamato ‘A festa ‘e Sant’Antuono”, ha concluso Vincenzo Capuano, direttore artistico della manifestazione.

“Sono stati giorni intensi, pieni di impegni, ma la soddisfazione più grande è stata vedere i sorrisi sui volti della gente. Invito tutti giovedì alla Conferenza di chiusura, che si svolgerà alle ore 18:30 nell’Aula Consiliare del Comune di Macerata Campania in Corso Umberto I, durante la quale sarà anche consegnato il Premio Fair Play”, aggiunge Alfonso Munno presidente della ONG UNESCO.

Il premio Fair Play è stato istituito dal Comune di Macerata Campania con il recente Regolamento sull’evento, al fine di sensibilizzare il rispetto dello stesso. Sarà assegnato dalla Commissione Consiliare alle battuglie di pastellessa che maggiormente si sono distinte con comportamenti nel pieno rispetto delle regole.

Appuntamento, quindi, giovedì 23 gennaio con l’ultimo evento della Festa di Sant’Antuono 2020, nel corso del quale sarà assegnato un riconoscimento anche agli alunni dell’Istituto Comprensivo di Macerata Campania per i lavori più belli esposti nella Mostra a seguito della votazione dei bambini che hanno partecipato ai laboratori #PastellessaLab.