Guardia Di Finanza, sempre presenti contro abusivismo e contraffazione alla Reggia di Caserta

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Negli ultimi mesi, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza ha intensificato l’attività di controllo economico del territorio, nel solco di una già consolidata collaborazione istituzionale con la Direzione della Reggia di Caserta.

Contrastare i fenomeni di abusivismo commerciale e, più in generale, assicurare il proprio concorso ai quotidiani servizi preordinati dalla Prefettura per il mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica nel capoluogo, con il precipuo obiettivo di garantire il rispetto della legalità intorno all’edificio vanvitelliano tutelandone, al contempo, il decoro ed il prestigio.

glp-auto-336x280
lisandro

In particolare, tenuto anche conto dei continui record di presenze registrati a partire dall’avvio della stagione primaverile, sono stati progressivamente rafforzati gli ordinari servizi d’istituto concentrandoli, soprattutto, in concomitanza delle giornate caratterizzate da maggiore affluenza turistica, come le festività e le prime domeniche del mese.

In tale contesto, oltre ad assicurare la necessaria cornice di sicurezza in stretta sinergia ed alternanza con le altre Forze di Polizia, i Baschi Verdi del Gruppo di Caserta hanno effettuato numerosi interventi finalizzati a prevenire e reprimere la diffusione del commercio ambulante “fuori legge” nell’area antistante la Reggia.

Un fenomeno richiamato proprio dall’esponenziale incremento di visitatori e che, in molti casi, produce anche notevoli disagi al regolare e sereno accesso degli stessi visitatori all’interno del Palazzo.

La sistematica azione di controllo ha così consentito di operare, con cadenza pressoché quotidiana, svariati sequestri di materiale di merchandising (guide turistiche, calamite e altri souvenir) non riconducibile ai canali ufficiali di vendita nonché di accessori per la persona (occhiali, collane, bracciali, ecc.), palesemente contraffatti e/o venduti in violazione delle ordinanze sindacali che vietano qualsiasi forma di commercio ambulante nell’area in questione.

Sono state, altresì, irrogate le conseguenti sanzioni amministrative nei confronti dei soggetti responsabili – di nazionalità italiana e straniera – in alcuni casi rivelatisi anche beneficiari di reddito di cittadinanza, e, pertanto, segnalati all’Autorità Giudiziaria e all’INPS per l’indebita percezione dell’ausilio economico.

La generale opera di intensificazione dei servizi sul territorio ha riguardato e riguarderà anche le attività commerciali (bar, ristoranti, pizzerie, alberghi, ecc.) gravitanti nell’orbita della Reggia, con la predisposizione di mirati servizi finalizzati a riscontrare l’osservanza della normativa tributaria ed extra-tributaria collegata all’esercizio di tali attività, sempre nell’ottica di salvaguardare la sana competizione tra imprese e di tutelare la sicurezza e la salute dei consumatori.