Inaugurata a Capodrise Casa Nogaro, la villa sequestrata alla camorra diventa sede scout

Capodrise – Ieri, domenica 26 maggio 2019, è stata inaugurata Casa Nogaro una struttura fortemente voluta dal Vescovo emerito della Diocesi di Caserta Mons. Raffaele Nogaro, da cui il progetto prende nome e dedicata all’educazione ed alla legalità.

Casa Nogaro nasce da un bene sequestrato alla camorra dal Tribunale di Napoli, la villa appartenuta a Eremigio Musone, figlio di Vittorio Musone del Clan Belforte sita a Capodrise in via San Pietro.

Oggi la villa viene restituita alla collettività e contiene il Museo sulle migrazioni “Storiemigranti”, la “Piccola biblioteca nonviolenta”, un archivio sui temi del disarmo e della nonviolenza, e uno spazio didattico sulle emergenze ambientali.

I principali inquilini della villa sono i ragazzi dei gruppi scout “AGESCI CASERTA 2”, “AGESCI CAPODRISE 1” e la “Coop. Marco Polo”, dato che negli spazi della villa trova posto anche la sede scout.

La lussuosa villa di Musone fu sequestrata alla camorra dalla Guardia di FInanza nel 2016 nel corso dell’operazione denomnata “Dynasty” ed è stata affidata all’ex Vescovo Nogaro, dimessosi per raggiunti limiti di età nel 2009, dall’agenzia nazionale per i beni confiscati alla camorra.

L’inaugurazione, una vera e propria festa, si è svolta alla presenza di Mons. Nogaro, delle istituzioni locali, dei rappresentati delle associazioni e di numerosi giovani.

Loading...