Individuato dalla Polizia l’autore dell’imbrattamento della facciata della Reggia di Caserta

glp-auto-700x150
sancarlo
previous arrow
next arrow

La Questura, a seguito delle indagini effettuate, ritiene di aver individuato il responsabile delle scritte realizzate con vernice spray che hanno imbrattato la facciata della Reggia di Caserta nei giorni scorsi. La Polizia di Stato ha formalmente denunciato un giovane di origine nordafricana, ritenuto l’autore dell’imbrattamento avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì scorso. La notizia è stata resa nota oggi pomeriggio dalla Questura di Caserta.

Questa la ricostruzione dei fatti: dopo la segnalazione al 113, intorno alle ore 2 della notte, poliziotti della Squadra Volante sono intervenuti sul posto per ricostruire l’accaduto. Grazie alle immediate indagini sia di natura tecnica che informativa, avviate insieme alla Squadra Mobile, e sulla scorta anche dell’analisi dei sistemi di videosorveglianza della Reggia, è stato possibile individuare un giovane, che poi è scappato con una bicicletta elettrica.

lisandro
lapagliara
SanCarlo50
previous arrow
next arrow

Il ragazzo, da poco maggiorenne, è stato identificato e rintracciato presso la sua dimora e condotto in Questura per le procedure di rito, all’esito delle quali è stato denunciato per l’imbrattamento del bene artistico, riconosciuto dall’UNESCO come patrimonio mondiale dell’umanità.

Il restauro già completato

Sempre nel pomeriggio di oggi, sulle pagine social della Reggia di Caserta sono state pubblicate le foto dell’avvenuto restauro della porzione di facciata del monumento interessata dall’imbrattamento:

Grazie a due giorni di duro e altamente professionale lavoro della squadra tecnica della ditta F.lii Navarra e della restauratrice Jessica Angiero, i segni dell’atto vandalico sono stati rimossi.

Nella giornata di ieri, è stata eseguita l’asportazione dello strato superficiale della scritta con spazzola e impacchi. Oggi si è provveduto alla pulitura e risciacquo. A causa dell’assorbimento del colore nero, purtroppo, i restauratori sono stati costretti a un ritocco pittorico.