Intercultura: tre mesi all’estero per giovani del territorio Aurunco grazie alla Borsa Mascolo

A trentatré anni dalla scomparsa di Giuseppe Mascolo, continua l’impegno del figlio Luigi con la Fondazione Intercultura per dare la possibilità a un giovane del territorio di vivere un trimestre in Europa.

È possibile iscriversi sul sito www.intercultura.it al concorso dedicato agli adolescenti interessati a vivere a studiare all’estero in oltre 50 Paesi di tutto il mondo.

Tanta voglia di riprendersi la vita e ricominciare a scoprire il mondo. Sono gli adolescenti italiani un anno dopo il Covid. Se già nel 2020 (fonte: indagine realizzata da Laboratorio Adolescenza in collaborazione con Intercultura) il 36% degli studenti delle scuole superiori avrebbe desiderato frequentare un anno di scuola all’estero, oggi a voler fare questa esperienza è addirittura il 62% degli studenti delle scuole superiori, segno che la pandemia in realtà non ha prodotto solo effetti di chiusura, ma ha motivato ancora di più i ragazzi più curiosi.

Per questi “esploratori”, desiderosi non solo di viaggiare ma di scoprire nuove culture, sono aperte le iscrizioni alle selezioni di Intercultura per i programmi all’estero e le borse di studio dell’anno scolastico 2022-23.  www.intercultura.it/bando-di-concorso

Tra le centinaia di borse di studio disponibili, la borsa di studio in memoria del Dott. Giuseppe Mascolo, vittima di camorra, è destinata a studenti nati tra il 1° gennaio 2004 e il 31 agosto 2007 meritevoli e bisognosi di sostegno economico iscritti in una scuola secondaria di II grado di Sessa Aurunca. “Grazie alla borsa di studio in memoria del Dott. Giuseppe Mascolo il mio sogno si è avverato. Sono stata una delle prime studentesse a partire con questa borsa e ho vissuto in Francia per tre mesi. Con Intercultura ho vissuto un’esperienza che mi ha fatto crescere dal punto di vista personale, ma anche e soprattutto culturale”, commenta Valentina Salvino ex borsista e oggi volontaria Intercultura nella zona di Sessa Aurunca.

La borsa Mascolo copre un programma trimestrale in Europa, durante il quale i giovani studenti approfondiscono tematiche relative alla cittadinanza attiva. Al termine del programma è previsto un campo nella città di Bruxelles nel quale gli studenti provenienti da diversi Paesi si riuniranno (nel rispetto delle norme di igiene e sicurezza) per riflettere insieme sul concetto di Europa e confrontarsi.

Uno dei motivi per cui scegliere Intercultura e concorrere per la borsa Mascolo è, secondo Angela Malagisi (ex borsista per un trimestre in Repubblica Ceca) la relazione che si instaura con i volontari dell’associazione: “partite perché i volontari di Intercultura vi tengono per mano e vi accompagnano in ogni fase del viaggio. Sarà un banco di prova per voi stessi e capirete forse che le distanze non sono altro che mentali. Vi riscoprirete e scoprirete storie, culture, luoghi e luoghi comuni completamente differenti”.

Oltre alla borsa Mascolo, anche per quest’anno il bando di concorso prevede che gli studenti che necessitano di un sostegno economico possano usufruire di una delle centinaia di borse di studio totali o parziali messe a disposizione da Intercultura attraverso il proprio fondo dedicato a questo scopo. Le iscrizioni al concorso potranno essere effettuate online dal sito di Intercultura, a partire dal 1 di settembre fino al 10 novembre 2021.

Per informazioni sul bando di concorso 22-23 e le borse di studio basta collegarsi al sito www.intercultura.it dove è possibile scaricare il bando e mettersi in contatto con i volontari presenti in 159 città italiane. Sono consultabili sempre sul sito anche le date di tutti gli appuntamenti in presenza e online con i volontari e gli ex partecipanti ai programmi di Intercultura.

L’Associazione Intercultura Onlus (www.intercultura.it) Intercultura è un’Associazione di volontariato senza scopo di lucro, fondata in Italia nel 1955, eretta in Ente Morale posto sotto la tutela del Ministero degli Affari Esteri e riconosciuta con decreto dal Presidente della Repubblica (DPR n. 578/1985). L’Associazione è gestita e amministrata da migliaia di volontari, che hanno scelto di operare nel settore educativo e scolastico, per sensibilizzarlo alla dimensione internazionale. È presente in 159 città italiane ed in 65 Paesi di tutti i continenti, attraverso la sua affiliazione all’AFS ed all’EFIL.

Ha statuto consultivo all’UNESCO e al Consiglio d’Europa e collabora ad alcuni progetti dell’Unione Europea. Ha rapporti con i nostri Ministeri degli Esteri e dell’Istruzione, Università e Ricerca. A Intercultura sono stati assegnati il Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio e il Premio della Solidarietà della Fondazione Italiana per il Volontariato per l’attività in favore della pace e della conoscenza fra i popoli.

L’Associazione promuove, organizza e finanzia scambi ed esperienze interculturali, inviando ogni anno centinaia di ragazzi delle scuole secondarie a vivere e studiare all’estero ed accogliendo nel nostro paese altrettanti giovani di ogni nazione che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole. Inoltre Intercultura organizza seminari, conferenze, corsi di formazione e di aggiornamento per Presidi, insegnanti, volontari della propria e di altre associazioni, sugli scambi culturali.

Tutto questo per favorire l’incontro e il dialogo tra persone di tradizioni culturali diverse ed aiutarle a comprendersi e a collaborare in modo costruttivo.