Interpellanza Pronto soccorso Ospedale Melorio. Il Sindaco: carenza personale medico di urgenza impedisce riapertura

GIORDANI
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Ancora nessun progresso sulla possibilità di riportare nel nosocomio della cittadina sammaritana un pronto soccorso fruibile dai cittadini

Il consigliere comunale Danilo Talento ha presentato nei mesi scorsi un’apposita interpellanza al Sindaco per conoscere quali fossero le azioni dell’Amministrazione comunale, nel limite delle proprie competenze in materia di sanità, affinché la Direzione Generale potesse disporre quanto prima la riapertura del pronto soccorso del nosocomio sammaritano.

“Torno a distanza di qualche mese sulla questione della riapertura del Pronto Soccorso dell’Ospedale Melorio di Santa Maria Capua Vetere, convertito dalla Direzione Generale ASL Caserta a centro covid e mai più riaperto.

glp-auto-336x280
lisandro

L’interpellanza scaturiva da una contraddizione di fondo presente nell’Atto Aziendale Asl Caserta del 1° agosto scorso all’interno del quale non veniva prevista la riapertura del pronto soccorso, nonostante gli impegni assunti negli anni scorsi dalla Direzione Generale con la città di S. Maria C.V. e come ribadito nella Delibera di Consiglio Comunale dello scorso 18 febbraio, approvata all’unanimità.

Nelle scorse settimane è arrivata la risposta all’interpellanza da parte del Sindaco di Santa Maria C.V. Antonio Mirra all’interno della quale sono state riportate le note difficoltà da parte dell’ASL nel reperire risorse umane in termini di medicina di urgenza propedeutico alla riapertura del pronto soccorso.

Auspico che nel breve periodo gli enti competenti individuino soluzioni valide affinché il presidio ospedaliero “San Giuseppe e Melorio” possa tornare a dotarsi del pronto soccorso, in considerazione del fatto che il suddetto presidio serve un territorio di oltre 80.000 unità (numero di riferimento per prevedere al suo interno ai sensi del vigente DM 70/2015 il Pronto Soccorso).

Continueremo a fare la nostra parte nelle sedi istituzionali opportune e a tenere alta l’attenzione su un tema di tale rilevanza per la città e per i comuni limitrofi”.