Il Jova Beach Party infiamma Castel Volturno (foto e video)

Jovanotti con Diodato
(credit photo facebook.com/jovabeachparty)
SANCARLO50-700
ENJOY1
delpicar-t-toc
previous arrow
next arrow

Ieri abbiamo assistito alla prima delle due serate del Jova Beach Party, previste al Flava Beach di Castel Volturno: il secondo appuntamento è in itinere nella giornata odierna, in quanto lo show inizia già nel primo pomeriggio con attività ludico-ricreative in spiaggia ed alternarsi sul palco di ospiti e DJ set.

L’evento, che sta facendo tappa nelle maggiori spiagge italiane, è stato accompagnato da numerose polemiche ambientaliste: non vogliamo entrare nel merito delle stesse, in quanto solo esperti del settore possono stabilire se sussista o meno un danno ambientale ma quella che vogliamo raccontarvi, è un serata che dai più, è stata definita una “grande festa”.

la reggia della danza

E questa è la sensazione che si ha: una grande spiaggia, trasformata per un tempo determinato  in un mondo parallelo, dove migliaia di persone di varie generazioni (e forse proprio qui sta la chiave del successo di questo spettacolo), con allegria cantano e ballano i più grandi successi del padrone di casa e dei vari ospiti musicali.

Ieri sera, a sorpresa ha fatto capolino Diodato, piccoletto fisicamente ma che diventa un gigante appena inizia a cantare: il pubblico è stato tutto suo quando ha intonato la sua famosa “Fai rumore” che live è da brividi.

Poi è stata la volta dell’evergreen per eccellenza Gianni Morandi: elegantissimo e con un’energia da far invidia ai ragazzini, ha fatto cantare a squarciagola alcuni suoi successi, recenti e non; ha poi ricordato anche i suoi esordi cinematografici proprio in quel di Castel Volturno, laddove non era ancora un territorio martoriato da camorra e cattive amministrazioni e l’auspicio è proprio che un evento del genere, accenda i riflettori su una zona bistrattata ma con un potenziale immenso e che quella di ieri sia solo l’inizio di una rinascita.

Morandi si è reso complice anche di un divertente siparietto con i Neri per Caso, intonando insieme la ormai celebre “Povero Gabbiano”.

Il gruppo, famosissimo negli anni’ 90 ha preso le redini del palco duettando con Jovanotti e ricantando il successo “Le ragazze”: dopo averli risentiti dopo tempo, forte è la speranza  che questa ospitata sia per loro solo il preludio di nuovi progetti, poiché è un gruppo molto valido che ha ancora tanto da dare.

L’ottimo padrone di casa, che ha fatto da spalla ai suoi ospiti, si riprende il palco per il finale di quella che è stata una lunga maratona e conclude la serata con l’ iconica “Ragazzo fortunato”: si varca l’uscita canticchiando e con il sorriso sulle labbra poiché non si riesce a demonizzare un evento che nella tappa campana ha dato risalto ad un territorio difficile, che ha donato dopo due anni pandemici qualche ora di spensieratezza e che ha prediletto per l’organizzazione tutte aziende locali, le quali hanno saputo collaborare con sinergia.