La Campania è la Regione in Italia con il maggior numero di contagi da Coronavirus secondo i dati Gimbe

La Campania è la prima regione d’Italia per numero di positivi al Covid in questo momento. Secondo i dati della Fondazione GIMBE gli attualmente positivi nella regione sono 81.252 mentre una settimana fa erano 71.830, circa 10mila in meno.3

Seguono la Lombardia (69.336) e l’Emilia Romagna (46.698).I dati sono è aggiornati al 3 marzo 2021 e tengono conto dei ricoverati in terapia intensiva, dei ricoverati con sintomi e di chi è in isolamento domiciliare.

La Fondazione GIMBE è un’organizzazione indipendente nata nel 1996 che non ha fini di lucro ed ha lo scopo di favorire la diffusione e l’applicazione delle migliori evidenze scientifiche con attività indipendenti di ricerca, formazione e informazione scientifica al fine di favorire le migliori scelte politiche e migliora il servizio sanitario.

La Campania, dunque, sarebbe da considerare in “zona rossa” secondo lo studio di Gimbe, ossia come una Regione con un “numero di nuovi casi per 100.000 abitanti nelle ultime 2 settimane  (17 febbraio – 3 marzo) e incremento percentuale dei casi nell’ultima settimana (24 febbraio – 3 marzo) superiore alla media nazionale”.

Non si tratta, quindi, della zona rossa prevista dal DPCM del 3 novembre 2020 che è stata più volta paventata ed invocata dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris e dal Governatore Vincenzo De Luca.

Secondo il Bollettino della dell’Unità di Crisi della Protezione Civile di oggi, il tasso di contagio in Campania si attesta sull’11,59%, da settimane ben più alto dello stesso dato su base nazionale che pure è in crescita ma si ferma al 6,7%.

Oltre che per il dato assoluto dei contagiati, la Campania sarebbe la peggiore Regione d’Italia anche per quanto riguarda l’incremento dei contagi nelle ultime settimane: nella settimana del 17-23 febbraio si è registrato un incremento percentuale del 4,4% dei casi totali di contagio da SARS-CoV-2, mentre nelle ultime 2 settimane si rileva un’incidenza di 370 casi positivi per 100.000 abitanti.

I due grafici mostrano l’incremento dei contagi nell’ultimo periodo. Quello relativo alle Regioni Italiane mostra l’incidenza su 100.000 abitanti dal 18 febbraio al 4 marzo. Invece il grafico relativo alle Province della Campania mostra l’incidenza del contagio per 100.000 abitanti dal 16 febbraio al 2 marzo.

Il grafico mostra che Salerno è la Provincia in Campania con il maggior aumento di contagi nel periodo considerato ed è l’unica nel riquadro rosso. Avellino è nel riquadro arancione mentre Caserta raggiunge Napoli e Benevento nel riquadro verde.

Nel riquadro verde si posizionano le Province che registrano un numero di nuovi casi per 100.000 abitanti nelle ultime 2 settimane e un incremento percentuale dei casi nell’ultima settimana inferiori alla media regionale. Al contrario, le Province del riquadro rosso contano un numero di nuovi casi per 100.000 abitanti nelle ultime 2 settimane e un incremento percentuale dei casi nell’ultima settimana superiori alla media regionale. Nel riquadro arancione, invece, i casi positivi al momento sono meno rispetto alla media regionale, ma l’incremento percentuale dei casi è superiore alla media regionale, con il rischio ricadere nel riquadro rosso.
Anche i colori di questo grafico non hanno alcuna attinenza con quelli delle aree di rischio identificate dal DPCM del 3 novembre 2020.

Sempre secondo i dati Gimbe, con la seconda ondata del Coronavirus in Campania, quella della stagione invernale, i decessi legati al Covid-19 sono aumentati in valore assolute dell’811% circa. Il 1 ottobre 2020 i morti di Covid in Campania erano 463. Il 24 febbraio 2021 i decessi sono saliti a 4.219: 3.756 morti in più, otto volte in più rispetto ai decessi registrati nei primi 7 mesi della pandemia.