La Casertana batte il Catanzaro 2-1. I falchetti si regalano tre punti per Natale

Caserta – Vittoria per la Casertana nell’ultima gara interna del 2017. Un’annata di alti e bassi, positiva nella prima parte e decisamente al di sotto delle aspettative finora nella stagione in corso. Ci voleva una partita di carattere per portare a casa i tre punti contro il Catanzaro e i rossoblù hanno messo in campo la giusta furia agonistica conquistando un sofferto 2-1. Il girone di ritorno si apre così nel migliore dei modi: i falchetti raggiungono quota 18 punti in attesa della complicatissima sfida del 30 dicembre in casa del Catania.

LA GARA

Rossoblù in campo con il 4-3-1-2. La principale novità per D’Angelo è Finizio sulla fascia destra di difesa, con Lorenzini che va in panchina. Conferma per la coppia d’attacco Alfageme – Turchetta sostenuta da Carriero.

L’ex Napoli e Reggina Davide Dionigi schiera invece il Catanzaro con il 3-4-1-2. In avanti Puntoriere e Falcone.

Alla prima occasione cambia il risultato al Pinto. E’ la Casertana ad andare in vantaggio al decimo minuto: cross profondo di D’Anna, Turchetta mette giù, rientra saltando il diretto avversario e batte Nordi con il destro. Gol meritato per l’attaccante ravennate, autore di buone prestazioni nelle ultime gare.

La partita però resta equilibrata con le due squadre che non esprimono un gran gioco e commettono svariati errori tecnici. Al 21’ Turchetta avrebbe l’opportunità di lanciare Alfageme a tu per tu con il portiere giallorosso ma perde l’attimo giusto. Due minuti dopo su una sua punizione dalla destra Polak manda alto di testa. Il Catanzaro non riesce a rendersi pericoloso in attacco fino al 28’, quando un ottimo scambio sulla fascia tra Falcone e Nicoletti termina con il tiro cross di quest’ultimo che finisce di poco sul fondo. Al 40’ calcio d’angolo sbagliato dei calabresi e Turchetta si invola da solo verso la porta avversaria venendo atterrato da Puntoriere che si becca il giallo.

Il pareggio del Catanzaro arriva sul finale del primo tempo con una punizione dai 25 metri: il destro di Falcone viene smorzato dalla barriera e finisce alle spalle di Cardelli, in netto ritardo in quest’occasione.

Nessun cambio per i due tecnici nella ripresa. Dopo un buon avvio la Casertana al quinto della ripresa si porta in vantaggio, ma la gioia del Pinto dura solo qualche secondo: l’arbitro Volpi annulla infatti il gol di Alfageme per fuorigioco sul cross di Turchetta. L’argentino si è mosso sul filo dell’offside e la posizione irregolare se c’è è davvero di pochi centimetri. Turchetta intanto continua a seminare avversari sulla fascia sinistra d’attacco e, dopo quella di Puntoriere nel primo tempo, provoca anche le ammonizioni di Icardi e Riccio nel giro di un paio di minuti. Al 60’ cambio offensivo di D’Angelo: fuori De Marco e dentro Marotta.

Tre minuti e la Casertana si riporta in vantaggio. L’ennesima grande azione del 27 rossoblù crea scompiglio in area: alla fine D’Anna viene atterrato e si vede assegnare il calcio di rigore. Dal dischetto Turchetta si fa parare il tiro da Nordi, ma il più veloce sulla respinta corta è proprio D’Anna che regala il meritato 2-1 ai falchetti. Neanche il tempo di indirizzare la gara sui binari giusti e la Casertana si trova in inferiorità numerica. Alfageme perde palla in attacco ed entra durissimo da dietro su un avversario rimediando un rosso fiscale ma giusto a norma di regolamento. Mancano ancora venti minuti più recupero alla fine e così D’Angelo si copre inserendo Lorenzini per Turchetta. Doppio cambio invece per Dionigi che prova a dare una scossa ai suoi inserendo Letizia e Imperiale.

Brivido per i rossoblù al 75’ quando Polak sventa il pericolo in area finendo però per sfiorare l’autorete. La Casertana mantiene i nervi saldi e riesce a limitare i tentativi del Catanzaro arroccandosi dietro e lasciando in avanti il solo Marotta. All’88’ occasione per le aquile calabresi con Kanis che impensierisce Cardelli calciando di poco alto. Nei sei minuti di recupero concessi dall’arbitro si gioca pochissimo e i calciatori delle due squadre non fanno altro che beccarsi l’uno con l’altro. Alla fine però la Casertana a distanza di oltre un mese dal 3-0 alla Paganese riesce a conquistare l’agognata e tanto attesa vittoria regalandosi alla vigilia di Natale il quarto sorriso stagionale.

Loading...