La Casertana risorge in terra pugliese: tre reti e prima vittoria stagionale

La Casertana risorge in terra pugliese, tre reti e prima vittoria stagionale
Esultanza della panchina dopo la prima rete di Carillo (foto Giuseppe Scialla)

a Casertana che non ti aspetti, quella che nella gara più importante della stagione, autentico spartiacque di un campionato che rischiava di complicarsi più del dovuto, e soprattutto nella giornata in cui è costretta a rinunciare ai suoi calciatori più esperti, risorge in terra brindisina e trova i primi tre punti della stagione. Lo fa con una gara accorta, per alcuni tratti perfetta, in cui ha saputo soffrire, ad inizio gara, per colpire, nel momento in cui la squadra di casa stava producendo il massimo sforzo, per poi amministrare in modo diligente e intelligente il risultato, arrotondandolo nella ripresa. Decidono le reti di Carillo, Cuppone e Icardi per la formazione rossoblù, a poco serve il gol di Sparandeo alla formazione padrona di casa, che deve rammaricarsi per il rigore sbagliato da Perez, mentre la Casertana trova un super Avella, che ha praticamente parato tutto e un Buschiazzo che lasciando i suoi in dieci ha rischiato di compromettere la gara.

Casertana alla ricerca di un risultato positivo, per allontanare la crisi che si è abbattuta sulla formazione di mister Guidi, Virtus Francavilla che invece cerca il quarto risultato utile consecutivo per continuare a risalire la classifica. Allo stadio “Giovanni Paolo II” si affrontano due squadre con l’umore completamente opposto: da un lato la Casertana reduce da ben tre sconfitte di fila che pongono a serio rischio la panchina di Federico Guidi, dall’altra una Virtus Francavilla, in serie positiva da tre turni, e soprattutto reduce dalla vittoria in trasferta nel derby di domenica scorsa in quel di Monopoli. Casertana ancora una volta costretta a fare i conti con l’emergenza: fuori Castaldo e Pacilli usciti malconci dalla gara di mercoledì contro il Foggia, fuori Fedato ancora non al meglio della condizione fisica, fuori Konate’ ancora non del tutto recuperato dopo l’infortunio rimediato contro la Turris.

Nell’elenco dei convocati rientrano Izzillo, Santoro e Hadziosmanovic, con quest’ultimo che ha scontato le due giornate di squalifica rimediate nel derby contro l’Avellino. Prima convocazione per l’ultimo arrivato in casa Casertana Polito, difensore esterno destro ex Cavese. Guidi si affida ancora una volta al 4-3-3, schema a lui più congeniale, per provare a venire fuori da una situazione abbastanza difficile: confermato Avella tra i pali, tocca ad Hadziosmanovic, Buschiazzo, Carillo e Setola comporre la linea difensiva, mentre a metà campo Izzillo, Bordin e Vresanovic avranno il compito di arginare la mediana pugliese e provare ad innescare il tridente composto da Icardi, Cuppone e Cavallini. In casa Virtus Francavilla, invece mister Trocini conferma quasi in blocco la squadra vittoriosa a Monopoli, gli unici cambi riguardano Mastropietro che ritorna sulla linea di metà campo in sostituzione di Zenuni squalificato, mentre in avanti tocca a Ekuban fare coppia con Perez. Ex dell’incontro il portiere Crispino, che proprio negli ultimi giorni di mercato si è trasferito in maglia biancoazzurra.

Il primo squillo della gara è della squadra padrona di casa: 5’ cross dalla destra di Delvino, Castorani trova il tempo giusto per colpire di testa ma la sua conclusione si perde di poco a lato alla destra di Avella. Al 10’ arriva anche la risposta della Casertana, grazie ad una violenta conclusione dal limite di Cavallini, con Crispino che non si lascia sorprendere e respinge con i pugni, prima che Sperandeo allontani definitivamente la sfera.  Al 13’ è Mastropietro ad intercettare un sanguinoso passaggio sbagliato da Setola, si presenta davanti ad Avella, ma sulla sua conclusione il giovane portiere casertano compie un autentico miracolo nel deviare il tiro del fantasista pugliese. Sul proseguimento dell’azione Perez sbaglia il controllo e la sua conclusione si perde alta sopra la traversa. Gara che cresce di intensità e padroni di casa che pian pianino conquistano il predominio territoriale con la Casertana che inizia ad accusare il pressing della Virtus Francavilla. Al 17’ è Perez a divorarsi la palla del vantaggio per la formazione padrona di casa: contropiede velocissimo con l’attaccante ex Cosenza che viene rimontato da Carillo proprio mentre si apprestava a battere a rete. Prova ad uscire dall’assedio della Virtus Francavilla la Casertana che al 20’ con Cuppone da buona conclusione, costringe Crispino a deviare in corner la sua conclusione. Sul conseguente angolo al 21’, battuto da Bordin, è Carillo, appostato sul secondo palo ad approfittare della mancata uscita di Crispino, e con un colpo di testa sotto misura non sbaglia e porta in vantaggio la formazione rossoblù.

Al 25’ è ancora Avella a dire di no alla formazione locale: punizione dal limite di Franco e il giovane portiere casertano non si lascia sorprendere e blocca a terra sicuro. Virtus Francavilla in pressing alla ricerca del pari e Casertana che agisce di rimessa alla ricerca del colpa del ko, che al 36’ sbaglia Varesanovic il cui tiro da buona posizione trova l’opposizione di Crispino. Al 43’ è Buschiazzo a fermare, fallosamente, Ekuban che si stava involando verso la porta rossoblù, proprio sotto gli occhi del direttore di gara che non può non ammonirlo. È l’ultimo guizzo del primo tempo, giocato con grande accortezza dalla formazione rossoblù abile a sbloccarla con Carillo e poi a resistere, complice un Avella veramente sugli scudi al ritorno della formazione padrona di casa.  Senza cambi le due squadre che tornano in campo per la seconda frazione di gioco. Al 51’ la Casertana trova il raddoppio: ingenuità difensiva della retroguardia di Trocini consente a Cuppone di presentarsi solo davanti a Crispino, la cui uscita alla disperata non basta per evitare all’ex Pisa di infilarlo e regalare il raddoppio ai suoi.

Al 54’ finisce la partita di Cavallini, con Guidi che pensa a coprirsi e inserisce Matese per dare più sostanza al centrocampo, in previsione di un aumento della pressione della Virtus Francavilla, tramortita dalla seconda rete della formazione rossoblù.  Al 60’ la Virtus Francavilla ha la ghiotta occasione per riaprire la gara: intuizione di Mastropietro per Perez che si invola verso la porta difesa da Avella, ma l’intervento di Buschiazzo è giudicato falloso dal direttore di gara che senza esitazione indica il dischetto del rigore e ammonisce anche il difensore uruguagio che già ammonito lascia i suoi in dieci. Della battuta (62’) si incarica Perez, ma la conclusione dell’attaccante finisce incredibilmente alta sopra la traversa. Padroni di casa che approfittando dell’uomo in più cercano di aumentare l’intensità alla ricerca del gol che potrebbe riaprire la gara e al 66’ è Caporale ad impegnare con una conclusione improvvisa Avella, che è bravo ad allungarsi e bloccare la sfera.

Al 68’ è Icardi a mettere il punto esclamativo sulla gara: rinvio di Avella, sponda di Cuppone, bravo a tenere la sfera, e palla che arriva ad Icardi che avanza al limite dell’area e lascia partire una conclusione di destro che sorprende Crispino. Al 76’ la Virtus Francavilla accorcia le distanze: assist di Perez per l’accorrente Sparandeo che con una conclusione improvvisa batte Avella, e regala speranze di riaprire l’incontro ai suoi.  All’86’ è ancora una volta super Avella: conclusione della lunga distanza di Franco e il portiere rossoblù è bravissimo a negare la rete al centrocampista pugliese, deviando la sfera in angolo. All’87’ è Ekuban a divorarsi il gol praticamente fatto: errore in uscita di Avella e sfera che arriva al calciatore ivoriano che da buona posizione e senza opposizione non fa meglio che sbagliare la conclusione con il pallone che termina la corsa sull’esterno della rete. È l’ultima occasione della gara: la Casertana amministra e resiste agli ultimi tentativi di assalto della Virtus Francavilla che non producono effetto. Il triplice fischio del direttore di gara sancisce la fine della gara: per la Casertana tre punti fondamentali, meritatissimi alla luce del fardello che aveva accompagnato i falchetti in terra pugliese, che regalano non solo morale ma gli consentono di fare un balzo importante in classifica.

VIRTUS FRANCAVILLA – CASERTANA 

VIRTUS FRANCAVILLA (3-5-2): Crispino; Delvino (70’ Carella), Caporale, Sparandeo; Giannotti, Franco, Castorani (84’ Buglia), Mastropietro (62’ Di Cosmo), Nunzella; Perez, Ekuban. A disp. Costa, Pambianchi, Celli, Tchetchoua, Calcagno, Puntoriere. All. Trocini

CASERTANA (4-3-3): Avella; Hadziosmanovic, Buschiazzo, Carillo, Setola; Izzillo, Bordi, Varesanovic; Cavallini (54’ Matese 64’ Ciriello), Cuppone, Icardi (85’ Santoro). A disp. Dekic, Zivkovic, Longobardo, Petito, De Sarlo, Valeau, De Lucia, Polito.  All. Guidi

Arbitro: Daniele Perenzoni di Rovereto

Assistenti: Giuseppe Trischitta di Messina e Emilio Micalizzi di Palermo

Quarto Ufficiale: Mario Cascone di Nocera Inferiore

Reti: 21’ Carillo (CE), 51’ Cuppone (CE), 68’ Icardi (CE), 76’ Sparandeo (VF)

Ammoniti: Crispino (VF), Hadziosmanovic (CE), Buschiazzo (CE), Cuppone (CE), Caporale (VF), Nunzella (VF)

Espulsi: al 61’ Buschiazzo (CE) doppia ammonizione