La Chef Rosanna Marziale trasferisce il suo ristorante “Le Colonne” in campagna a Caiazzo

Tenuta San Bartolomeo

Il ristorante “Le Colonne” di Rosanna Marziale si trasferirà temporaneamente a Caiazzo. Ad annunciarlo è la stessa chef stellata che su Facebook ha anche spiegato i motivi della sorprendente scelta.

Semplicemente, le attuali norme imposte ai ristoranti nella Fase 2 della lotta al Coronavirus, come il distanziamento tra i tavoli, hanno fatto preferire alla Marziale di continuare a lavorare ma negli ampi spazi della tenuta di famiglia in campagna.

Il “Temporary restaurant” sarà attivo negli spazi di “San Bartolomeo – casa in campagna“, la villa per venti e cerimonie della famiglia Marziale che si trova a Caiazzo in via Rognano, località Pantaniello di Caiazzo.

L’attuale sede del ristorante Le Colonne, quella in viale Giulio Douhet a pochi passi dalla reggia di Caserta ed accanto alla pizzeria di Francesco Martucci, non chiuderà definitivamente ma al momento non è stata stabilita la data della riapertura.

“Le Colonne a San Bartolomeo casa in campagna, il ristorante va in campagna per un po’.
Due strutture della ristorazione della famiglia Marziale che per qualche mese diventano una, quindi il doppio di energie concentrate in un solo punto.

Rosanna MarzialeLa città è un luogo in cui le persone si uniscono, ma è anche un luogo pieno di confini: le strade, le case, gli appartamenti stabiliscono infinite separazioni. Riaprire il ristorante in città rispettando le regole imposte dai provvedimenti anti contagio vorrebbe dire aumentare in maniera quasi ridicola queste divisioni: tavoli distanti almeno 2 metri, commensali che non possono sedersi uno di fronte all’altro… in città per restare uniti bisogna separarsi.

La campagna è un luogo apparentemente senza confini dove applicare quelle regole viene spontaneo, perché lo spazio tra i tavoli e le persone è riempito dall’aria aperta, dal profumo dei fiori, dal canto degli uccelli e degli insetti. Il parco di San Bartolomeo poi simula molto bene un luogo ancora meno antropizzato della compagna, un eden in cui i rapporti umani si naturalizzano. Nei prossimi mesi avremo l’opportunità di ri-celebrare l’unione tra Uomo e Natura.

A presto la comunicazione del giorno di apertura con gli orari. A prestissimooooooo”.