La Chiesa di Sant’Elena a Caserta restaurata e consegnata alla città

GIORDANI
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Caserta – La Chiesa di Sant’Elena è stata restituita all’antico splendore. Nel pomeriggio di domenica 26 novembre il Vescovo di Caserta Monsignor Pietro Lagnese ha presieduto la Solenne Eucarestia durante la quale è stata officiata nuovamente la Consacrazione a Dio della chiesa settecentesca.

La Chiesa di Sant’Elena, infatti, era sconsacrata da decenni. Progressivamente ridotta ad un rudere, è rimasta chiusa per diversi anni una volta diventata addirittura pericolante, dopo stata usata per un lungo periodo come sede dell’associazione “Nero e non solo”. Alcune fonti riportano che il sito versasse in condizioni di degrado già dagli anni ’40 del secolo scorso.

glp-auto-336x280
lisandro

La piccola chiesa è nota per essere stata assiduamente frequentata dall’Architetto Luigi Vanvitelli, che da casa vi si affacciava per assistere alla Santa Messa. La riapertura del tempio è coincisa con la solennità di nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo nell’anno in cui si celebrano i 250 anni dalla morte del Vanvitelli.

Situata nel pieno centro di Caserta, la chiesetta settecentesca è esattamente adiacente all’omonimo Largo Sant’Elena, ad un passo dalla Reggia di Caserta da un lato e via Ferrante dall’altro.

Alla Celebrazione di domenica hanno partecipato numerosi cittadini e fedeli, tanto da riempire non solo la chiesa stessa ma anche l’ultimo tratto di via Ferrante. Presenti anche tanti esponenti delle autorità civili tra cui: il sindaco di Caserta Carlo Marino, il vicesindaco Emiliano Casale, l’assessore alla cultura Enzo Battarra, il Questore Andrea Grassi, il Prefetto Giuseppe Castaldo e la viceprefetto Savina Macchiarella.

Domenica pomeriggio si respirava clima di festa e di stupore, tanti casertani hanno potuto scoprire per la prima volta la bellezza della Chiesa di Sant’Elena completamente restaurata sia all’interno che all’esterno, compresa la Pala d’altare originale raffigurante la Santa ai piedi della Croce di Cristo.

Un piccolo, meraviglioso angolo di Caserta è stato finalmente restituito alla luce.