La Commissione Europea commina una maxi sanzione da 4,3 miliardi a Google

Una multa record da 4,3 miliardi di euro per Google: questa la notizia diffusa dal Financial Times. La maxi sanzione della Commissione Europea arriverà prossimamente e riguarda la posizione dominante di cui Google ha beneficiato nell’ “imposizione” del sistema operativo Android per gli smartphone.

Uno degli obiettivi perseguiti dal colosso di Mountain View negli ultimi anni è stato infatti quello di far aumentare l’utilizzo del sistema operativo Android nella ricerca online: oggi tale sistema viene usato dall’80% degli smartphone in tutto il mondo e Bruxelles con questa multa punta a mettere fuori legge le restrizioni fissate da Google, che avrà ora 90 giorni per mettere fine alle pratiche anti-concorrenziali. L’azienda californiana ha reagito sostenendo che l’utilizzo di Android ha creato più scelta per tutti, facendo calare i prezzi e aumentando i livelli di innovazione: per questo è quasi certo che presenterà appello contro la decisione.

Si tratta della multa più alta mai inflitta da Bruxelles, ma Google dato il suo volume d’affari riuscirebbe comunque a pagarla senza troppi problemi. Già nel 2017 la Commissione Europea sanzionò Google con una multa di 2,4 miliardi di euro per aver abusato della sua posizione dominante come motore di ricerca riuscendo così a favorire il suo servizio di comparazione di prezzi Google Shopping a scapito degli altri competitor.