La Ferrari Roma ha vinto il premio internazionale “Car Design Award”

L’ultima nata della casa di Maranello, la Ferrari Roma, si è imposta nella categoria “Production Cars” dei “Car Design Award“, prestigioso premio internazionale istituito dalla rivista Auto&Design, la più autorevole al mondo per quanto riguarda, appunto, lo stile delle automobili.

Il premio internazionale intende riconoscere il lavoro del team di design autore del miglior progetto di serie dell’anno nel settore automotive e si rivolge “ai progetti che hanno contribuito all’evoluzione del design automobilistico” come riporta un comunicato.

I premi annuali Car Design Award, assegnati dal 1984 al 1997, sono rinati nella loro attuale edizione nel 2016. La cerimonia di premiazione dell’edizione 2020 si è svolta oggi in formato digitale.

I vincitori dei Car Design Award sono selezionati da una giuria di esperti composta da 12 giornalisti esponenti delle più prestigiose testate automobilistiche a livello internazionale, tra le quali anche la stessa Auto&Design.

La giuria  ha attribuito alla Ferrari Roma il riconoscimento per la categoria Production Cars con la seguente motivazione: “Il team di progettazione Ferrari, guidato da Flavio Manzoni, ha fatto un lavoro incredibile con la Roma. Questa vettura riprende le classiche linee di una Gran Turismo e le proietta nel 21° secolo attraverso forme sensuali, evocative e all’avanguardia“.

La Ferrari Roma è una coupè – berlinetta nella nomenclatura Ferrari – a motore anteriore e 2+2 posti che si pone alla base della gamma di Maranello e condivide gran parte della meccanica, in particolare il motore V8 da 600 cavalli, con la Portofino.

Caratteristica peculiare della Roma rispetto alle altre vetture del marchio è la sua fruibilità: la nuova berlinetta nasce con l’obbiettivo di essere al contempo comoda, funzionale e facile da guidare ma anche elegante, oltre che sportiva e piacevole da guidare nella migliore tradizione delle Gran Turismo (GT) italiane.

L’ispirazione per la progettazione della Ferrari Roma – nonché del nome – è venuta dalle suggestioni dalla Dolce Vita italiana, in particolare dall’elegantissima Ferrari 330 GTC, la macchina preferita di Marcello Mastroianni.

Lo stile della Ferrari Roma, premiato dai Car Design Award, si basa dunque sulla tradizione delle GT italiane ma la reinterpreta in chiave moderna: le superfici sono levigate, le proporzioni classiche, le linee sono poche e disegnano una silhouette estremamente filante.

Non mancano gli elementi innovativi: i sottili fanali posteriori a led sono una interpretazione più dinamica e moderna del tradizionale gruppo ottico posteriore Ferrari a due elementi circolari. Completamente innovativa è la calandra anteriore, elemento del quale l’architetto Flavio Manzoni – direttore dello stile Ferrari – va particolarmente fiero: la calandra nella Roma diventa tridimensionale e convessa, nonché parte integrante della carrozzeria, non più una semplice apertura per alimentare il radiatore.

Eppure, in seguito alla presentazione alla stampa della Ferrari Roma, non sono mancate le polemiche da parte degli appassionati più ortodossi che tuttora criticano la Roma per essere una Ferrari spuria, troppo poco sportiva e nello spirito e, soprattutto, troppo somigliante alle rivali inglesi nello stile, in particolare Jaguar ed Aston-Martin.

Gli altri premi

Fra le Concept Car ha ottenuto il primo posto la coreana Hyundai Prophecy, studio di una vettura elettrica realizzata da una squadra di designer a livello globale guidato da Simon Loasby.

Il riconoscimento Brand Design Language, voluto dalla rivista Auto&Design e sostenuto da Brembo, premia la filosofia formale del marchio ritenuta più meritevole. Quest’anno ha vinto Porsche perché è riuscita negli anni ad evolvere uno stile unico e perfettamente integrato con le esigenze ingegneristiche.

Il podio di ogni categoria

Auto di serie: Ferrari Roma; Porsche Taycan; Land Rover Defender.

Concept Car: Hyundai Prophecy; Bentley EXP 100 GT; Cupra Tavascan.

Brand Design Language: Porsche; Peugeot; Mazda.