La grande musica torna protagonista a PulciNellaMente

Sotto chi tene core de La Maschera
SANCARLO50-700
glp-auto-700x150
previous arrow
next arrow

Martedì 31 Maggio la presentazione di “Sotto chi tene core’ ” de La Maschera

La nuova musica napoletana torna ad essere la grande protagonista della XXII edizione della Rassegna Nazionale di Teatro Scuola PulciNellaMente

Dopo l’incontro con i Foja, martedì pomeriggio a partire dalle 18:45 sul palcoscenico allestito nella corte del seicento Palazzo Ducale “Sanchez de Luna” sarà presentato il nuovo disco de La Maschera “Sotto chi tene core’“. Dopo i saluti del Direttore Generale della manifestazione atellana, Elpidio Iorio, e dell’assessore alla cultura del Comune di Sant’Arpino Giovanni Maisto, saranno i componenti della band partenopea, Roberto Colella; Vincenzo Capasso; Alessandro Morlando; Antonio Gomez Caddeo; Marco Salvatore e Michele Maione, a parlare del nuovo lavoro pubblicato lo scorso 13 Maggio dalla Full Heads, e prodotto dalle Edizioni Musicali Graf srl di Luciano Chirico.

Sotto chi tene core’, è un concept album di 9 canzoni che parlano di riscatto sociale e sentimentale, un invito ad alzare lo sguardo e farsi avanti. Storie vere, dove l’urlo di chi non ha voce diventa grido di battaglia.

LORETOBAN1
LORETOBAN1
previous arrow
next arrow

Storie di resistenza, di sentimenti profondi, di gente normale e della loro poesia – racconta il frontman Colella- penso all’amore tra Mirella e Felice Pignataro, da cui nascono il GRIDAS, il carnevale di Scampia, la controscuola. Penso alla vita straordinaria di Thomas Sankara, mai abbastanza ricordato. A grandi amori e grandi ripensamenti. A gesti eroici di uomini semplici. Agli invisibili di tutto il mondo. Penso a loro, al loro grido di battaglia: quattro parole simboliche, un invito a farsi avanti: SOTTO CHI TENE CORE“.

Sin dall’uscita del loro primo album “‘O vicolo’ e l’alleria” nel novembre 2014, La Maschera ha preso il suo posto nella scena musicale napoletana come una delle band indipendenti più interessanti. Subito il progetto si fa notare per il suo notevole tasso di sperimentazione, tanto da collocarsi, a pieno titolo, in un solco dal sound marcatamente “World“.

A conferma dell’attitudine alla contaminazione stilistica, vi sono nell’estate del 2015, l’incontro con Laye Ba, musicista senegalese: occasione di reciproco arricchimento umano ed artistico, da cui sono nati due brani composti ed eseguiti insieme, i tour in Senegal, Portogallo, Spagna, Canada ed in Corea del Sud.

Nel novembre 2018 si sono aggiudicati il Premio Andrea Parodi, il più prestigioso riconoscimento italiano per la World Musiced in seguito hanno calcato i palchi di importanti festival nazionali e internazionali quali lo Szieget, l’Home Festival, il Folkest e il Giffoni Music Concept.

Nel corso della serata santarpinesi il gruppo omaggerà il pubblico santarpinese con il live di alcuni dei brani del loro ultimo album.