La piattaforma della Logistica del Mediterraneo prende forma. Sabato 25 marzo ore 10:30 al TRASPO DAY

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Dalla manifestazione di interesse alla pianificazione delle opportunità. L’evento alla Fiera del Trasporto e della Logistica

Dalle indicazioni ricevute a seguito della “Manifestazione di interesse” da parte degli operatori del mondo dei trasporti e della logistica appaiono chiaramente i percorsi da seguire cogliendo la disponibilità della Amministrazione Comunale di Maddaloni e le opportunità che il PNRR offre.

Pertanto, all’interno degli spazi del TRASPO DAY – Fiera del trasporto e della Logistica – presso il polo fieristico A1Expò in viale delle industrie, 10 San Marco Evangelista (CE), sabato 25 marzo alle ore 10:30 l’amministrazione comunale organizza l’evento: “La piattaforma della logistica del Mediterraneo prende forma: dalla manifestazione di interesse alla pianificazione delle opportunità”.

glp-auto-336x280
lisandro

A illustrare le possibili prospettive dal punto di vista urbanistico per il Polo della Logistica del Mediterraneo, il sindaco di Maddaloni, Andrea De Filippo, il quale ha spiegato: “Le prospettive sono assolutamente interessanti parliamo della più vasta area retro portuale di Napoli che può essere utilizzata per la movimentazione di merci.

Nel nostro PUC abbiamo previsto un’area molto vasta. E’ stato adottato ed abbiamo recuperato un po’ di ritardi che si erano accumulati nel tempo. Il prossimo consiglio comunale sarà chiamato all’approvazione definitiva”.

Non mancherà la voce di uno dei principali attori del settore del trasporto e della logistica, Antimo Caturano, presidente regionale Trasporto Unito: “Il progetto “Polo della Logistica” è un’operazione fondamentale che non solo andrebbe a colmare una serie di lacune strutturali che insistono da sempre sul territorio, ma rappresenterebbe un rilancio del settore di straordinario impatto commerciale, logistico ed imprenditoriale.

In piena transizione ecologica, avere una visione così favorevole per l’intero mezzogiorno è un dovere politico e civico, proseguire verso questa direzione. Per non parlare dell’indotto che ne deriverebbe da questo progetto che coinvolgerebbe anche le piccole e medie imprese con una ricaduta favorevole sui ruoli occupazionali”.