La protesta dei parcheggiatori di Casertavecchia: forse c’è una svolta

I numerosi spettatori che in queste sere si sono recati a Casertavecchia ad assistere agli spettacoli del 47esimo Settembre al Borgo hanno trovato una brutta sorpresa: in via Rossetti, all’altezza del bivio con Casola, molto prima di giungere al Borgo Medievale, sono stati invitati dagli agenti della Polizia Municipale a deviare per Pozzovetere per raggiungere Casertavecchia. Per molti automobilisti, non pratici della zona, questa inaspettata novità si è tramutata in uno stress; complice anche il buio della sera, qualcuno si è perso nelle campagne dei monti Tifatini cercando di raggiungere l’agognata meta.

Tutto questo disagio è stato causato dalla chiusura improvvisa dei parcheggi che da circa trenta anni accolgono le autovetture di coloro che si recano ai numerosi locali del luogo e, che in occasione della kermesse settembrina, forniscono il servizio di parcheggio a pagamento.

La chiusura decisa dai proprietari dei terreni su cui insistono i parcheggi è scaturita da un controllo a sorpresa effettuato dalla Guardia di Finanza. In seguito i proprietari dei quattro parcheggi hanno affisso sui cancelli l’avviso “I parcheggi di Casertavecchia sono chiusi per protesta”.

I finanzieri hanno fatto una serie di accertamenti e hanno inoltre richiesto ai proprietari dei parcheggi di esibire loro la documentazione degli incassi relativi alle giornate delle precedenti edizioni del Settembre al Borgo. Questo episodio ha generato l’ira dei parcheggiatori.

In effetti questa vicenda dei parcheggi a Casertavecchia è una storia vecchia che si trascina da diversi anni sulla base di un tacito rinnovo di una convenzione che risalirebbe addirittura al 1993. Ogni anno i proprietari, in occasione del Settembre al Borgo, erano soliti produrre un’istanza nella quale chiedevano al Comune l’autorizzazione provvisoria per l’apertura delle aree private. Quest’anno questa richiesta non è stata fatta.

Il Sindaco di Caserta Carlo Marino, intervenendo sulla questione si è dichiarato disponibile a trovare in tempi brevi una soluzione. Inoltre,  come ha dichiarato al quotidiano Il Mattino: “Se non viene attivato l’iter previsto dalla legge con le richieste necessarie, noi amministratori abbiamo le mani legate. Solo in presenza di questa richiesta il Comune potrà intervenire, anche perché qui siamo di fronte a questioni importanti che riguardano non solo l’ordine pubblico e la mobilità ma anche la pianificazione strategica di servizio a sostegno del Borgo.”

Da alcune indiscrezioni che ci sono arrivate in tarda mattinata dall’Amministrazione Comunale sembra che si sia giunti ad un compromesso e che quindi sia stasera che domani sera i parcheggi saranno aperti regolarmente. Speriamo bene!

 

Loading...