La Shoa incontra l’immigrazione siriana al Teatro Comunale di Casapulla

SANCARLO50-700
glp-auto-700x150
previous arrow
next arrow

Oggi, dalle 19, al Teatro Comunale di Casapulla, si commemora la tragedia dell’Olocausto sotto un’ottica diversa, con lo spettacolo Vento di memorie. Ad organizzare l’evento l’Associazione Orizzonti e la compagnia Luci Soffuse, con la partecipazione straordinaria di Francesco di Bella, cantante del gruppo 24 Grana e lo scrittore Donato Cutolo. Lo spettacolo è andato già in scena al Liceo “Quercia” di Marcianise, avendo grande successo, interpretato dagli alunni stessi.

Il testo è stato redatto dalla prof.ssa Maria Gravina, con la regia del prof. Angelo Credendino e la colonna sonora del prof. Angelo Abate. La storia, molto particolare, intreccia le vicende degli ebrei di oggi, in particolar modo i siriani, costretti a scappare da guerre e torture, con quelli che hanno tentato di scappare dalla barbarie nazista. In tutto questo scenario, si incentra il bellissimo rapporto tra Piero e Jasmine, due mondi diversi che si incontrano e in cui si abbattano le barriere razziali, con il loro atavico tragico passato. Una precisazione storica si deve: in Siria è scoppiata una guerra civile, iniziata sette anni fa, nel 2011, in cui lottano fra di loro gruppi siriani, islamisti, curdi, dell’Isis, con intervento dell’Iran, della Russia e degli Stati Uniti, creando uno scenario apocalittico, che ha portato numerosi civili a scappare ed a cercare l’aiuto dell’Europa.

lapagliara
LORETOBAN1
previous arrow
next arrow

Come ha dichiarato l’Unicef in un comunicato: “Non abbiamo più parole per descrivere la sofferenza dei bambini e il nostro sdegno. Quelli che stanno infliggendo queste sofferenze hanno ancora parole per giustificare i loro atti barbarici?”.

Donato Cutolo e Francesco Di Bella

Due grandi nomi accompagnano lo spettacolo: Donato Cutolo e Francesco Di Bella.
Il primo è uno scrittore ed un compositore musicale. Inizia nel 2009 ed entrare nel mondo editoriale con Carillon, testo corredato da colonna sonora e teatralizzato in diversi spettacoli: una storia d’amore tra due persone provate dalla vita e, come ha dichiarato Fausto Mesolella,”Questa è la storia di un incontro. Forse fatale, forse definitivo, non si sa, come tutto nella vita è destinato al suo divenire“.

Nel 2012 pubblica, sempre con la stessa metodologia, Vimini, con la collaborazione di Fausto Mesolella degli Avion Travel, che cura la colonna sonora, in cui il tema è l’adolescenza di Vimini ed il suo aprirsi ad un mondo nuovo. Da entrambi i libri sono stati composti dei cortometraggi. Nel 2014 viene dato alle stampe 19 Dicembre 43, con la collaborazione artistica ancora di Fausto Mesolella ma anche di Daniele Sepe, accompagnati dalla voce di Paolo Rossi: storia d’amore durante la resistenza, tra nazismo e fascismo; il libro è un successo, tanto da essere adottato dalle scuole e viene presentato anche in trasmissione di rilievo nazionale, come Che tempo che fa. Del 2017 è, invece, Occhi chiusi spalle al mare, con l’accompagnamento musicale di Sergio Rubini e di Rita Marcotulli.

Francesco Di Bella, invece, è sia solista sia cantante dei 24 Grana, famoso per gli album Loop, K-ALBUM, OVERGROUND, UNDERPOP, GHOSTWRITERS, LA STESSA BARCA. Ha collaborato con Marina Rei ed aperto diversi concerti, come quello di Vasco Rossi, di IGGY POP ed altri.