La Slc-Cgil si prepara al congresso: iscritti triplicati e radicamento totale nel comparto

La Segretaria Cgil Caserta Sonia Oliviero
SANCARLO50-700
ENJOY1
delpicar-t-toc
previous arrow
next arrow

La segretaria Oliviero: abbiamo affermato con autorevolezza il ruolo del sindacato nei mesi bui del lockdown

Si avvicina il congresso provinciale della Slc-Cgil e, per la categoria, è l’occasione di tirare le somme degli ultimi quattro anni di lavoro. La segreteria guidata da Sonia Oliviero è riuscita a far crescere esponenzialmente il numero degli iscritti che sono quasi triplicati rispetto al 2018.

Tale risultato è stato possibile grazie alla capacità del gruppo dirigente di radicare l’organizzazione nei luoghi di lavoro. Centrale è stato il ruolo dei delegati che hanno letteralmente presidiato i luoghi di lavoro per garantire il rispetto delle regole e delle misure di sicurezza anti-Covid.

MORRA-SMART
simplyweb2023
previous arrow
next arrow

Il risultato è che oggi la Slc-Cgil è presente in tutto il comparto delle comunicazioni rappresentando con autorevolezza gli interessi dei lavoratori postali, quelli del contact center dell’Inps, quelli dell’industria cartaia e cartotecnica, quelli del settore della grafica editoriale, quelli dello spettacolo e della produzione culturale.

«Sono stati quattro anni intensi e ricchi di soddisfazione per tutto il nostro gruppo
dirigente – ha sottolineato il segretario provinciale della Slc-Cgil Oliviero – abbiamo affrontato con determinazione la fase acuta della pandemia che per la nostra categoria è stata delicatissima.

Da una parte ci siamo trovati di fronte alla necessità di rappresentare mondi produttivi che quasi non erano riconosciuti come tali completamente fermi a causa del virus e dall’altra quella di garantire i dovuti dispositivi di sicurezza a settori che non hanno mai interrotto il loro ciclo lavorativo.

Il sindacato in quei terribili mesi ha affermato il proprio ruolo aprendo la vertenza dei lavoratori dello spettacolo e della cultura. Allo stesso tempo è riuscito a garantire adeguata protezione ai postali, ai lavoratori dei contact center dell’Inps e a tutti quei lavoratori per i quali il lockdown non è mai esistito.

Tutto questo è stato possibile grazie all’impegno di una squadra che ha viaggiato
compatta e all’unisono verso gli stessi obiettivi: tutela dei lavoratori e crescita del territorio».