La strana leggenda che aleggia sul Lago della riserva naturale di Falciano del Massico

È curioso scoprire la moltitudine di leggende e superstizioni che caratterizza il territorio casertano e che in pochi conoscono. Tra le tante, una che desta particolare interesse, è quella che vede coinvolta la cittadina di Falciano del Massico e, in particolare, il lago della riserva naturale.

Falciano del Massico è un piccolo comune italiano della provincia di Caserta, che conta circa 3600 abitanti e presenta un lago dalle caratteristiche naturali davvero speciali. Di origine vulcanica, il Lago di Falciano del Massico, il cui nome originariamente era Lago di Carinola, si trova alle pendici del Monte omonimo ed è parte di una variegata riserva naturale.

Pare, però, che in questo lago non esistano solo pesci d’acqua dolce. Infatti, già nel lontano 2010, fu chiamato il Corpo Forestale dello Stato e avvertito della presenza di un coccodrillo nel lago. Una delle prime segnalazioni era stata ad opera di un pescatore, il quale aveva trovato nel Lago i resti di un pesce di grosse dimensioni letteralmente sbranato da enormi fauci, affermando inoltre di aver scorto quella che sembrava essere la figura non di un coccodrillo ma di un alligatore. Così, una volta emanato il divieto di balneazione, i forestali iniziarono a monitorare l’area al fine di scovare il possente rettile senza ottenere risultati.

L’ultimo avvistamento è recente e risale allo scorso Agosto quando sarebbe stato avvistato un alligatore che si beava indisturbato nelle acque del Lago. Anche in questo caso, nulla è stato ritrovato.

Noi come Loch Ness? Non lo sappiamo ma se vi venisse voglia di fare un bagno nel lago di Falciano, almeno per il momento, è meglio evitare.