L’amaca di domani, il monologo teatrale di Michele Serra al Parravano di Caserta venerdì 10 dicembre

GIORDANI
SANCARLO50-700
glp-auto-700x150
previous arrow
next arrow

L’amaca di domani di e con Michele Serra, un racconto ironico e sentimentale in cui il giornalista, umorista e autore apre le porte della sua bottega di artigiano della scrittura.

Le parole, con le loro seduzioni e le loro trappole, sono le indiscusse protagoniste di L’amaca di domaniConsiderazioni in pubblico alla presenza di una mucca, il monologo teatrale, comico e sentimentale, impudico e coinvolgente, con il quale Michele Serra “approderà” al Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta venerdì 10 dicembre ore 20.45.

LORETOBAN1
LORETOBAN1
previous arrow
next arrow

Presentato da SPA live in collaborazione con Teatri Uniti, l’allestimento, diretto da Andrea Renzi, si avvale delle scene e i costumi a cura di Barbara Bessiluci, le luci di Cesare Accetta, l’aiuto regia di Luca Taiuti, e s’inserisce nella stagione teatrale 2021/2022 programmata dal Teatro Pubblico Campano, diretto da Alfredo Balsamo.

Il nucleo è tratto dal libro “La sinistra e altre parole strane”, in cui Michele Serra apre al lettore la sua bottega di scrittura, e, strada facendo, il testo si è arricchito di considerazioni su un mestiere faticoso e fragile: scrivere.

Le persone e le cose trattate nel corso degli anni – la politica, la società, le star vere e quelle fasulle, la gente comune, il costume, la cultura – riemergono dal grande sacco delle parole scritte con intatta vitalità e qualche sorpresa.

Nel raccontare la storia dei suoi corsivi, iniziati sull’Unità il 7 giugno 1992 (la rubrica si chiamava Che tempo fa) e proseguiti dal 2001 su Repubblica con l’ormai celebre Amaca di 250 parole, Michele Serra ripercorre anche la sua vita, professionale e privata. Fondamentali sono i suoi esilaranti inizi, il rapporto con i genitori, molto diversi tra di loro, la sintesi, centrale per il suo lavoro ma difficile da realizzare, quasi una sorta di dono, e l’inevitabile politica, grande protagonista di molte delle sue riflessioni.

Serra, che ha scritto molto altro tra cui romanzi e poesie, si sofferma anche sull’innovativa satira di Cuore rileggendone alcuni titoli, ma presto torna ai suoi corsivi, soffermandosi sul Text Mining, che gli ha consentito di capire su chi e su che cosa ha scritto di più, con qualche risvolto talvolta un po’ inquietante.

“Scrivere ogni giorno, per ventisette anni, la propria opinione sul giornale – così Serra in una nota – è una forma di potere o una condanna? Un esercizio di stile o uno sfoggio maniacale, degno di un caso umano? Bisogna invidiare le bestie, che per esistere non sono condannate a parlare? Il vero bandolo, come per ogni cosa, forse è nell’infanzia. Il finale, per fortuna, è ancora da scrivere”. 

 Info Caserta 0823444051