L’Angelo degli Ultimi lancia la sua provocazione: “Fonderemo il partito degli Incompresi”

Antonietta D'Albenzio con Renato

Ad una giornata dalla tornata elettorale per le elezioni europee, l’Associazione l’Angelo degli Ultimi lancia il suo prossimo progetto che vuole essere anche una provocazione, ma non solo, un monito a tutti i candidati ed i prossimi nostri rappresentanti tra gli scanni del parlamento europeo: un movimento, un partito da presentare alle prossime elezioni che vedranno coinvolta la nostra provincia, si chiamerà “Gli Incompresi“, forse l’unico modo affiché qualcuno, che non sia il mondo delle associazioni, si prenda cura degli ultimi, degli invisibili.

Questa mattina sulla pagina Facebook dell’associazione, il post della Presidente, Antonietta D’Albenzio, che diventa una vera e propria denuncia e che sta già scatenando la partecipazione e l’attenzione di molti. Di seguito:

Durante questa campagna elettorale siamo andati ad ascoltare i programmi di tutti i partiti e candidati. Però alla fine di ogni comizio nessuno ha saputo darci una risposta ad una nostra precisa domanda: perché nessuno pensa agli ultimi che sono gravemente malati, visto che non esiste una struttura dove possono essere curati e assistiti dopo essere stati dimessi dagli ospedali? Parliamo di persone gravemente ammalati italiani e non. Purtroppo spesso non avendo documenti perché vivono in strada da anni e hanno perso tutto non possono essere accolti in casa di accoglienza e quando qualcuno potrebbe avere la possibilità di alloggiare in case di accoglienza devono essere in ottimo stato di salute altrimenti non vengono accettati. Tutti i candidati arrivati qui a Caserta per presentare la propria candidatura ci hanno dato la stessa risposta, praticamente ci hanno candidamente confessato di non aver mai pensato a questa problematica”.

Effettivamente fa riflettere, che all’interno di un programma elettorale così decisivo come quello utile ad essere eletti in Europa, nessuno abbia pensato ad una vera e propria piaga che affligge non solo il nostro territorio, ma molti centri urbani del sud Italia.

Speriamo che adesso qualcuno possa prestare un po’ di attenzione a questa terribile situazione – continua la nota della presidente – qualora venga eletto.
Dovremmo a questo punto prendere affettivamente in considerazione di creare un nostro movimento, il partito degli Incompresi: che ne dite? Sono certa che i voti del popolo ci sarebbero. Probabilmente chi fa da se’ fa per tre, sarebbe l’unica possibilità affinché anche la politica prestasse un pò di attenzione a queste persone. Nel frattempo ci attacchiamo al tram come si suol dire. Che Dio vi benedica e che la Madonna vi accompagni“.