L’associazione ViviAmo Caserta organizza una raccolta di farmaci per Gaza domenica 16 giugno

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

L’associazione giovanile ViviAmo Caserta ha organizzato una raccolta farmaci da inviare come aiuto alle popolazioni nel territorio di Gaza. Il gazebo sarà posto domenica prossima, 16 giugno, dalle 9:30 alle 13 in via Acquaviva, nei pressi della villetta di via Avellino.

L’iniziativa di solidarietà è voluta dal gruppo in risposta alla crisi umanitaria in corso a Gaza. Si consiglia di donare farmaci di prima necessità, quali in particolare: antibiotici, fermenti lattici, analgesici, antidolorifici, garze, cerotti a rocchetto, lacci emostatici, acqua fisiologica, siringhe, guanti in lattice, alcool, betadine, mascherine, deflussori, aghi a farfalla. Si preferiscono farmaci a compresse e non diluibili in acqua.

glp-auto-336x280
lisandro

“È nostro dovere promuovere e partecipare ad eventi benefici – ha commentato Rita Marzo, membro dell’associazione e promotrice dell’iniziativa – Essere solidali l’uno con l’altro è fondamentale per creare una rete di sostegno e solidarietà che possa realmente fare la differenza.”

Dello stesso avviso anche Francesco Russo, presidente di “ViviAmo Caserta”, che, nel condividere l’appello alla cittadinanza a partecipare all’iniziativa donando farmaci, ha sottolineato l’importanza di promuovere tra i giovani la cultura della pace, del rispetto e dell’impegno civico: “Spesso veniamo vengono accusati di disinteresse verso la politica – ha detto – ma la realtà è ben diversa. Siamo pienamente consapevoli dei problemi globali e pronti a fare la nostra parte per portare un cambiamento positivo nel mondo.”

“Quella di domenica non vuole essere solo un atto di assistenza umanitaria – ha aggiunto Russo – ma anche e soprattutto un messaggio di speranza e solidarietà internazionale. Dimostriamo che, nonostante le differenze geografiche e culturali, siamo tutti uniti nella nostra umanità e nel nostro impegno a supportare coloro che ne hanno più bisogno”.