L’attrice Ludovica Nasti, la Lila de “L’amica geniale”, ed il suo passato da bambina affetta da leucemia

Grande successo ieri sera per “L’amica geniale“, la serie televisiva tratta dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante, diretta dal regista Saverio Costanzo, andata in onda su Rai 1 in prima serata.

Un successo annunciato per un prodotto televisivo di qualità, girato in Campania e costruito intorno ad una storia intensa ed emozionante, che non ha deluso le altissime aspettative.
Non sono mancate alcune scene dure ed addirittura violente, coerentemente con l’originale romanzo della Ferrante.

A colpire il pubblico, tra l’altro, la bravura delle attrici protagoniste, debuttanti e poco più che bambine Elisa del Genio e Ludovica Nasti.

Proprio a riguardo di quest’ultima è stato svelato un drammatico retroscena, per fortuna a lieto fine: il suo passato da bambina affetta da leucemia.

Stefania, la madre di Ludovica, ha voluto raccontare la storia della sua bambina colpita a soli cinque anni di età da una forma di leucemia linfoblastica e sottoposta a lunghe e dolorose cure mediche fino all’età di dieci anni.

“Non ho mai menzionato la parola leucemia, l’ho sempre chiamata percorso”, ha spiegato la signora Stefania “Mia figlia? Mi ha insegnato tanto”. “Abbiamo sofferto e abbiamo avuto paura ma è stata proprio lei a darci coraggio: in ospedale era diventata la mascotte del reparto. Mia figlia ha affrontato anche gli esami dolorosi come una guerriera, per questo non abbiamo più paura di nulla. Siamo grati alla vita anche solo di aprire gli occhi ogni mattina, tutto il resto si risolverà”

Ludovica, invece, ha dichiarato: “Mi sono arrabbiata quando ho dovuto tagliare i capelli perché sono stata calva per tanto tempo e finalmente avevo i capelli lunghi.. Prima del film? Volevo fare la calciatrice o la ballerina hip hop”.

La piccola Ludovica, originaria di Pozzuoli, è stata scelta per interpretare il personaggio di Lila Cerullo tra altre 9000 ragazzine in seguito a numerosi provini.