L’attrice e scrittrice Miriam Candurro a “Capua il Luogo della Lingua festival”

SANCARLO50-700
ENJOY1
delpicar-t-toc
previous arrow
next arrow

Sabato 28 gennaio alle ore 19.00 il critico cinematografico Francesco Della Calce incontra l’attrice e scrittrice Miriam Candurro, già ospite qualche anno fa di Capua il Luogo della Lingua festival. L’evento è in collaborazione con il Mitreofilmfestival

Miriam ha partecipato a popolari serie tv come, per esempio, Capri e I Bastardi di Pizzofalcone ed è una delle protagoniste più amate della soap cult di Rai 3 Un posto al sole. Il libro “La settima stanza” edito da Sperling e Kupfer è il suo romanzo per adulti d’esordio.

simplyweb

«Un giorno ci verrà ridato tutto il tempo perso, i baci che non ci siamo dati, i tramonti che non abbiamo visto insieme. Verrà il giorno in cui ci perdoneremo le vite vissute, le scelte fatte, le fughe in direzioni opposte. Fino a quel giorno io ti aspetterò qui. Nella nostra stanza a picco sul mare».

Ci sono momenti che restano indelebili. È a questo che pensa Giovanni mentre percorre la litoranea che lo porta a casa. Una casa da cui vuole stare lontano e in cui non torna da vent’anni. Vent’anni di assenza, di silenzio, di sensi di colpa. Tutto è cominciato lì, a Villa Rosa, di fronte a un mare immenso e cristallino: una sera d’estate l’adolescente Giovanni, affacciato alla finestra della sua stanza, aveva visto una ragazza lottare tra le onde. Senza pensarci, era corso in spiaggia e si era buttato in acqua per salvarle la vita. Quel momento aveva cambiato tutto: Giovanni ancora non lo sapeva, ma il suo destino e quello della ragazza sarebbero stati inesorabilmente legati. Ora, mentre i cancelli di Villa Rosa si riaprono, i ricordi riaffiorano vividi, prepotenti, e Giovanni si trova a fare i conti con il passato e con un sentimento che, forse, non ha mai dimenticato.

Dalla sorprendente penna di Miriam Candurro, una storia delicata e feroce al tempo stesso. Un romanzo di formazione in cui luce e ombra si fondono in modo magistrale per dare vita a personaggi indimenticabili.

Miriam Candurro nasce e vive a Napoli, dove consegue la maturità, presso il liceo ginnasio statale Giuseppe Garibaldi, e dove successivamente si laurea in Lettere classiche all’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Nel 2004 esordisce come attrice con Certi bambini di Andrea e Antonio Frazzi, film vincitore di tre David di Donatello. Il ruolo complesso e sofferto di Caterina le varrà il Premio Domenico Rea, come miglior attrice esordiente.

Successivamente partecipa a varie fiction tv: E poi c’è Filippo, con Neri Marcorè e Giorgio Pasotti, Angela, film TV di Rai 1, con Sabrina Ferilli, Don Matteo 5, La squadra 7, L’inchiesta. Nel 2007 è protagonista, insieme a Massimo Ranieri e Michelle Bonev, della miniserie tv Operazione pilota, in onda su Rai 1. Ancor nella fortunata serie tv Capri, dal 2012 nella soap opera di Rai 3 Un posto al sole nel ruolo di Serena Cirillo e nei I bastardi di Pizzofalcone.

Sul grande schermo con la commedia La seconda volta non si scorda mai e con il film italo-americano The Eternal City, Vieni a vivere a Napoli, regia di Guido Lombardi, Edoardo De Angelis, Francesco Prisco (2016), I peggiori, regia di Vincenzo Alfieri (2017), Veleno, regia di Diego Olivares (2017), Fino Ad Essere Felici, regia di Paolo Cipolletta (2021), Come Prima, regia di Tommy Weber (2021)

Nel 2018 ha pubblicato, insieme allo scrittore Massimo Cacciapuoti, il romanzo “Vorrei che fosse già domani” (Garzanti).