Con l’avvio dell’anno scolastico riparte anche il Piedibus. A Caserta ci si riorganizza

In questi primi giorni di riapertura delle scuole ci siamo scontrati con una città soffocata dal traffico e dallo smog già dalle prime ore del mattino. Inevitabile non pensare ad una alternativa sostenibile, funzionale e consolidata come il PIEDIBUS, considerato tra le buone pratiche della Comunità Europea!

Da molti anni il progetto del Piedibus di Caserta è una iniziativa che funziona e sta prendendo sempre più piede, è proprio il caso di dire, in quasi ogni quartiere della città.

Numeri importanti, 5 scuole elementari coinvolte, centinaia di famiglie e “autisti volontari”, zero costi per le casse comunali e un grande impatto sulla riduzione del traffico e dell’inquinamento.

Dal 2007 col Piedibus siamo stati tutti protagonisti di un bellissimo percorso di cambiamento – raccontano alcuni degli attivisti –  genitori, nonni, volontari di ogni età e provenienza lo hanno reso possibile in tutti questi anni. Ed è per questo che la nostra esperienza è stata segnalata come buona pratica dallo European Web Site on Integration – Italy“.

Da anni lo facciamo a Caserta e da sempre il nostro sogno è quello di portarlo in ogni quartiere, in ogni scuola della città. Da anni spingiamo perché venga istituito un ufficio comunale per coordinare la gestione del Piedibus e della mobilità sostenibile urbana, per intercettare fondi che rendano la nostra città a misura di pedone, una città dove camminare sia piacevole e sicuro per bambini, anziani o persone con disabilità motorie“.

La Storia
Il Progetto gratuito di accompagnamento a piedi dei bambini da casa a scuola esiste in tutta Italia. A Caserta, è partito nel 2009 all’Ic Ruggiero 3 Circolo e da allora si è diffuso in 4 istituti comprensivi e 9 plessi di scuola elementare, coinvolgendo fino a 300 famiglie e 100 volontari. Funziona come un bus: nel raggio di 1 km attorno alla scuola, vengono installate fino a 20 fermate, con orari stabiliti.

Il Piedibus è più di un semplice camminare a piedi: riduce smog e inquinamento, favorisce la socializzazione e l’educazione stradale, previene alcune patologie infantili. Migliora concretamente le strade della città: grazie all’attivismo delle famiglie e alla rete con scuole e Comune, parte dei proventi delle multe viene usata per mettere in sicurezza i percorsi pedonali (pavimentazione dei marciapiedi, strisce pedonali, abbattimento barriere architettoniche, arredo urbano pericolante).

In questi giorni volontari del Piedibus sono davanti alle scuole alle 7.30 del mattino all’ingresso e alle 12.00 all’uscita per parlare con i genitori o con chi per loro e potergli spiegare i benefici della pratica Piedibus.

Per chi voglia saperne di più o iscriversi presso la propria scuola come “Autista” volontario troverà informazioni e Modulistica a questo link Facebook https://www.facebook.com/groups/303182290553298