Le arance di Villa Giaquinto sono mature, i volontari avviano la raccolta il 27 e 28 gennaio

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Caserta. Per il settimo anno i volontari del Comitato per Villa Giaquinto, insieme ai cittadini del quartiere, raccoglieranno frutti del parco per il progetto M’arrancio, in cui le arance vengono trasformate in marmellate e liquori.

Il ricavato economico di questi due prodotti viene investito interamente per sostenere gli interventi di rigenerazione del parco, di cura del verde e l’organizzazione degli eventi gratuiti che animano la Villa.

glp-auto-336x280
lisandro

Programma della raccolta
Sabato 27 gennaio | dalle 9:30 al tramonto primo giorno di raccolta
Domenica 28 gennaio | dalle 9:30 – 12:30 raccolta; dalle 12:30 tavolata: porta quello che puoi, mangia e bevi quello che vuoi!

Da poco, il 20 gennaio, il Comitato ha celebrato 8 anni di attività: “Otto anni fa Villa Giaquinto era uno spazio abbandonato all’incuria, un luogo che riproduceva plasticamente le potenzialità inespresse della nostra città. Il primo importante punto di svolta fu rappresentato da un gruppo di studenti e residenti che decise, forzando l’inerzia, di riaprire la Villa e riqualificarla.

Questo gruppo di studenti e residenti si sono poi costituiti nel Comitato per Villa Giaquinto che tutt’oggi si occupa della cura e dell’animazione del parco attraverso un Patto di Collaborazione con il Comune di Caserta.

Da allora Villa Giaquinto è divenuto un luogo di aggregazione di primaria importanza per il centro della città, uno spazio percorso ogni giorno da centinaia di persone che ad oggi formano una comunità unita ed eterogenea.

Grazie e attraverso il contributo dei volontari abbiamo promosso, in questi anni, un fitto numero di attività che spaziano dalla rigenerazione urbana, ai laboratori sociali, alle manifestazioni culturali”.

“La Festa delle arance è il più significativo momento di aggregazione di tutte le persone che vivono Villa Giaquinto. Il bene comune del centro storico della nostra città, oltre ad offrirci uno spazio di libertà e inclusione, è il giardino di tutti noi, e in ciascun vasetto di marmellata c’è la storia di ogni persona che cura il parco. Unitevi alla raccolta, vi aspettiamo in Villa sabto e domenica”.