Le magie musicali di Sally Cangiano al Piccolo Teatro CTS di Caserta

Sally Cangiano
Sally Cangiano
SANCARLO50-700
glp-auto-700x150
previous arrow
next arrow

Giovedì sera, nell’ambito della rassegna “Giovediamoci” del Piccolo Teatro CTS di Angelo Bove, si è potuto assistere ad un concerto unico nel suo genere: il chitarrista Sally Cangiano ha stupito il pubblico con la sua performance “multisensoriale”, avvalendosi di un’apparecchiatura da lui progettata (“loop-machine”), con la quale ha eseguito brani come se fosse un gruppo musicale.

Utilizzando questa originalissima strumentazione, infatti, il musicista riesce a realizzare suoni e ritmi registrati live e sovrapposti in successione, creando così una vera band: chitarra, basso, percussioni e voci, vibrati, eco ed effetti speciali.

Terrazza Leuciana
Terrazza Leuciana
previous arrow
next arrow

Cangiano nasce chitarrista jazz per poi dirottare sul pop e dedicarsi anche al cantautorato: infatti scrive canzoni riprendendo anche il reggae, nonché i ritmi e le armonie moderne, con uno sguardo anche al passato.

Sally Cangiano fa della musica il suo lavoro da più di 35 anni e porta in giro per l’Italia il suo stile e la sua motivazione, che nasce dall’infanzia, con la sua prima chitarra regalatagli all’età di dieci anni.

Un’apertura dedicata a Pino Daniele con “Quann chiove” ha guidato gli ascoltatori attenti in un percorso sonoro inaspettato, per poi passare a “Vieni via con me” di Paolo Conte, un brano di Enzo Gragnaniello col quale il chitarrista ha collaborato, un reggae napoletano del 1976,”‘Na bella jurnata“, “Maria Maddalena“, commovente canzone del 1975, censurata dalla Chiesa.

Il cantautore ha collaborato anche con Franco del Prete e, come artista “polifunzionale” ha partecipato a numerose esibizioni e concerti sia in Italia che all’estero.

La sua invenzione sonora amplifica la sua bravura e la sua tecnica, sia vocale che chitarristica: unica anche la sua chitarra, costruita con sei corde divise in due di basso, due di chitarra acustica e due di chitarra elettrica.

Praticamente Sally Cangiano è un “unicum”, richiesto su molti palchi: ricordiamo a tal proposito la sua partecipazione a “Dalla strada al palco“, un talent show andato in onda in prima serata su Rai 2 e condotto da Nek e la classificazione al 3° posto del Festival della Canzone di Napoli con “Acqua io, acqua tu” nel 2019.

Il brano “So’ musicante“, invece, farà parte del nuovo album in uscita in primavera, dal testo molto accattivante e realistico.

Oltre alla semplice esecuzione vocale, Sally Cangiano ha accompagnato i suoi brani con lo “scat”, la ripetizione veloce e ritmata delle note strumentali all’unisono con la voce e dei passaggi tecnici e virtuosistici da jazzista affermato.