Leonardo da Vinci a Napoli: si festeggia il genio

Si è inaugurata a Dicembre e continuerà fino al 30 Giugno 2019 a Napoli, nel Complesso Monumentale Vincenziano, all’interno della Cripta, la mostra interattiva dedicata a Leonardo da Vinci (Anchiano, 15 aprile 1452 – Amboise, 2 maggio 1519), illustre scienziato e pittore dell’epoca rinascimentale. Il titolo, “Leonardo da Vinci, il genio del Rione Sanità”, che vuole essere anche portavoce di una rinascita di un quartiere da sempre sotto osservazione per il degrado e la microcriminalità, mira a ricordare la vita, le invenzioni e i capolavori artistici del da Vinci.

Due associazioni, “Tappeto Volante” e “Getta la rete” hanno unito le loro forze per dare ai campani, che non possono permettersi di viaggiare per andare a vedere in Italia o in Europa le mostre inerenti questo evento, la possibilità di conoscere da vicino Leonardo da Vinci. La mostra è stata premiata dal Comitato del Ministero dei Beni Culturali che si interessa del cinquecentenario.

La mostra offre ai visitatori delle riproduzioni delle macchine, create dal Maestro Mario Paolucci, dei codici e delle opere artistiche del genio. Per informazioni, si può vedere il sito http://www.tappetovolante.org.

Il pittore

Iniziamo con Leonardo da Vinci in qualità di pittore. La sua produzione si diversifica con diversi soggetti, sia sacri che ritrattistici, di cui citerò solo quelli che si possono ammirare nei musei di tutto il mondo.

Al primo gruppo fanno parte la famosissima Annunciazione, 1472-5, olio e tempera su tavola, conservata agli Uffizi di Firenze; la Madonna del Garofalo, 1473 ca., olio su tavola, situata all’Alta Pinakothek di Monaco di Baviera; la Madonna Benois, 1478-82, olio su tavola, al Museo dell’Ermitage, San Pietroburgo; San Girolamo, 1489 ca., olio su tavola, Pinacoteca Vaticana; l’Adorazione dei Magi, 1481-2, olio su tavola, Galleria degli Uffizi di Firenze; la Vergine delle Rocce, 1483-6, olio su tavola, al Museo del Louvre a Parigi (in foto); la Madonna Litta, 1490, tempera su tavola, Museo dell’Ermitage, San Pietroburgo; la famosa Ultima Cena, 1495-8, tecniche pittoriche varie, a Santa Maria delle Grazie a Milano; San Giovanni Battisti, 1508-1513, olio su tavola, al Museo del Louvre a Parigi; Sant’Anna, la Vergine e il Bambino con l’agnellino, olio su tavola, 1513-5, al Museo del Louvre a Parigi.

Al secondo gruppo il Ritratto di Ginevra de’ Benci, 1474-8, tempera ed olio su tavola, alla National Gallery of Art di Whashington; il Ritratto di musico, 1485 ca., olio su tavola, Pinacoteca Ambrosiana Milano; la Dama con l’Ermellino, 1488-90, olio su tavola al Museo Nazionale di Cracovia (in foto); il Ritratto di dama, 1490-5, olio su tavola, al Museo del Louvre a Parigi; la Gioconda, 1503-4, olio su tavola, al Museo del Louvre a Parigi.



Lo scienziato

Da scienziato, Leonardo da Vinci creò diverse macchine, i cui disegni e progetti sono stati conservati in numerosi codici (immagine in basso). Famose sono quelle per lo studio del volo degli uccelli per applicare ad una eventuale oggetto capace di volare. Si interessò di macchine idrauliche, tra cui la sega idraulica, la vite d’Archimede, la tuta del palombaro, il ponte mobile ed altro. Le macchine da guerra, come il cannone navale, un carro armato, un nuova forma di catapulta, la bombarda, la scala mobile. Riguardo la meccanica creò il primo prototipo di robot (in foto), la bicicletta, diverse tipi di gru ed altro.

Loading...