L’inossidabile Antonella Ruggiero elettrizza il pubblico di Artestate

SANCARLO50-700
glp-auto-700x150
previous arrow
next arrow

Casagiove (Caserta) – Ieri sera, allestito nel cortile del Quartiere borbonico a Casagiove, ha avuto luogo il primo spettacolo della rassegna “Artestate”, alla sua XXX edizione, attesissimo appuntamento con Antonella Ruggiero, ex vocalist dei “Matia Bazar”. Gremita di pubblico, la location ha ospitato il Claudio Romano Quartet, eclettica band composta anche da Lino Patriota alle tastiere, Livio Lamonea alle chitarre e Francesco Puglisi al basso e Claudio Romano alla batteria.

Il repertorio ha spaziato dalla musica degli anni ’30 alle prime canzoni del gruppo degli anni ’70, dal latino-americano alle ultime proposte, tutto rivisitato ed arrangiato magistralmente dai musicisti, fiore all’occhiello della nostra Regione.

Terrazza Leuciana
Terrazza Leuciana
previous arrow
next arrow

La chiave jazzistica, pop e psichedelica è in qualche modo il riflesso della personalità dell’artista che, nel corso della sua lunghissima e ricchissima carriera, ha attraversato. Infatti dopo l’esperienza dei “Matia Bazar” la solista ha sperimentato nuovi generi e stili musicali improntati alla riflessione, alla meditazione ed alla “liberazione”. In sostanza, negli anni questa voce straordinariamente versatile e con la capacità di avere un’estensione notevole, ha seguito i suoi eventi personali adattandosi ogni volta: il fermo per la nascita del figlio e l’esperienza in India l’hanno resa, come lei stessa afferma, “libera”.

Le esperienze professionali sono infinite, così come le collaborazioni con musicisti, direttori d’orchestra e festival (Sanremo in primis); collaborazioni nel sociale per raccolta fondi in emergenze sanitarie e ricerca.

Ieri sera ha presentato le sue canzoni, coinvolto e ringraziato per la bellissima esperienza il pubblico estasiato con brani come “Vacanze romane“; “Linda mimosa“; “Il cavallo bianco“; “Solo tu“, concedendo più di un bis, tra cui “Guantanamera“. Le suggestioni musicali sono state abilmente create dal quartetto che, più di una scenografia, hanno fatto da coreografia alla serata sotto le stelle.