L’ipotesi riapertura delle attività di ristorazione sfruttando gli spazi all’aperto piace a Coldiretti

L'ipotesi riapertura delle attività di ristorazione a pranzo e a cena sfruttando gli spazi all'aperto piace Coldiretti

Lascia ben sperare l’ipotesi di riapertura delle attività di ristorazione a pranzo e a cena sfruttando gli spazi all’aperto.

Una ipotesi, quella contenuta nella bozza delle linee guida sulle riaperture che le Regioni dovrebbero presentare al Governo alla Conferenza Stato-Regioni, che secondo la Coldiretti Campania salverà almeno i 700 agriturismi che possono contare su ampie aree all’esterno per assicurare il necessario distanziamento a tavola

Una misura attesa dopo che le chiusure a singhiozzo dall’inizio della pandemia hanno tagliato i redditi degli operatori con perdite di fatturato stimate alla Coldiretti in 1,2 miliardi di euro a livello nazionale, 35 milioni nella sola Campania.

“In Campania – spiega Coldiretti Campania – l’offerta agrituristica prima delle prescrizioni anticovid poteva contare su circa 24 mila coperti per la ristorazione/degustazione e circa 5 mila posti letto al coperto, a cui vanno aggiunte le quasi 700 piazzole per il camping. In provincia di Salerno gli agriturismi dispongono di 7.500 coperti e i 1.900 posti letto. Nel Sannio si superano i 5.000 coperti e si sfiorano i 1.000 posti letto. Poi Napoli con i quasi 3.900 coperti e 740 letti. Nelle province di Avellino e Caserta con circa 3.700 coperti e 690 letti ciascuna.

Gli agriturismi, peraltro, spesso situati in zone isolate in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto, sono forse – sottolinea la Coldiretti – i luoghi più sicuri dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche.

L’agriturismo svolge un ruolo centrale per la vacanza Made in Italy post covid perché contribuisce in modo determinante al turismo di prossimità nelle campagne italiane per garantire il rispetto delle distanze sociali ed evitare l’affollamento. In campagna le distanze si misurano in ettari e non in metri”.