“Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni”: dal 31 ottobre è al cinema la fiaba senza tempo (guarda il trailer)

È da poco uscito al cinema “Lo schiaccianoci e i Quattro regni”, versione Disney della fiaba rivisitata dai registi Lasse Hallström e Joe Johnston. Sebbene la trama si discosti da quella originale, si tratta di un incantevole connubio tra la fiaba “Schiaccianoci e il re dei topi” e il balletto classico. L’azione narrativa, infatti, è intervallata dai balletti sulle musiche originali di Tchaikovsky, che vedono la splendida Misty Copeland a interpretare la Clara della suite.

Rivoluzionaria la scelta della statuaria ballerina afroamericana che da qualche anno irrompe nel panorama bianchissimo della danza classica. È insolito anche l’utilizzo di un titolo che sembra evocare il classico di Hoffmann, ma che in realtà presuppone il soldato schiaccianoci come una figura piuttosto marginale. [continua dopo il video]

La vera protagonista è Clara, interpretata dalla giovanissima Mackenzie Foy, che nella notte della vigilia di Natale si mette alla ricerca della chiave che serve ad aprire il carillon regalatole dalla madre ormai defunta. Si troverà, così, catapultata nel mondo incantato dei Quattro Regni, dove, scortata dallo Schiaccianoci, attraverserà il Regno dei Fiocchi di Neve, il Regno dei Fiori, il Regno dei Dolci (nel quale farà la conoscenza della sdolcinata Fata Confetto, interpretata Keira Knightley), fino ad arrivare al Quarto Regno. Quest’ultimo, un tempo chiamato Regno dei Divertimenti, è la residenza di Helen Mirren, nei panni della perfida Madre Cicogna, che è stata bandita dai reggenti degli altri Regni. Sarà Clara, poi, armata di coraggio e impegno, a riportare l’armonia in questo luogo fantastico.

Questo capolavoro porta, dunque, sul grande schermo il cammino di formazione di Clara che può contare solo su se stessa per discernere il bene dal male. Ambientato nel contesto magico del Natale, è un film che rompe gli schemi della fiaba tradizionale per descrivere, attraverso l’escamotage del viaggio, il percorso di crescita di un’adolescente smarrita. Si tratta di una pellicola rivoluzionaria che afferma la propria identità rispetto alle versioni precedenti della fiaba e che appassionerà sia grandi che piccini.

Loading...