Lo spettacolo “Tracce di danza” domenica 17 marzo a Capua per FaziOpenTheater

SANCARLO50-700
glp-auto-700x150
previous arrow
next arrow

Domenica 17 marzo alle ore 19:00 a Capua per la rassegna FaziOpenTheater andrà in scena lo spettacolo di danza dal titolo “Tracce di danza” presentato dall’Associazione di Danza “Campania Danza” di Salerno con la direzione artistica di Antonella Iannone.

Lo spettacolo rientra nella sezione Teatrodanza, curata da Annamaria Di Maio, ed è il tredicesimo spettacolo in programma per la sesta edizione di FaziOpenTheater.

Terrazza Leuciana
Terrazza Leuciana
previous arrow
next arrow

Per informazioni e prenotazioni: 3389924524 – 3343638451 – 3356274183.

Note di regia

La memoria lascia tracce e lo fa senza che ce ne rendiamo conto. Partendo da quest’immagine è nata l’idea di costruire un progetto tersicoreo dal titolo “Tracce di Danza”. La traccia è il segno che consente di ricostruire un percorso a volte dimenticato; è quel particolare che rimette in circolo i ricordi richiamando a sé altri dettagli fino a completarne la scena. L’enciclopedia Treccani definisce la memoria come capacità di conservare traccia più o meno completa e duratura degli stimoli esterni sperimentati e delle relative risposte. Nell’uomo indica sia la capacità di ritenere traccia di informazioni relative a eventi, immagini, sensazioni, idee, ecc. di cui si sia avuto esperienza e di rievocarle quando lo stimolo originario sia cessato riconoscendole come stati di coscienza trascorsi, sia i contenuti stessi dell’esperienza in quanto sono rievocati, sia l’insieme dei meccanismi psicologici e neurofisiologici che permettono di registrare e successivamente di richiamare informazioni. Tracce che persone o fatti lasciano nella mente degli uomini, nel nostro caso nella mente del coreografo. Ed allora perché non affidarsi al corpo, al suo movimento per seguire quelle “Tracce di Danza” necessarie a ridare voce alla memoria. Il tempo in cui viviamo è così frenetico: siamo nell’attimo in cui viviamo “dimenticando” di archiviare nella nostra mente suggestioni, profumi, volti, sguardi mentre al contempo affidiamo alla memoria virtuale il compito di conservare. Il nostro passato si sta riducendo sempre di più in un elenco di file, schematicamente custoditi in cartelle. E quando si avverte la necessitò di recuperare quelle tracce ci si accorge d’aver perso il senso di ciò che si è vissuto. Alla danza vogliamo affidare il compito di scuoterci dall’oblio della rete, di rimettere al centro gli umani sensi e restituire ad essi quel compito di essere traccia immateriale di memoria. Passo dopo passo, nota dopo nota, parola dopo parola. Anche in un poetico e confusionario ordine sparso.