Lotteria degli scontrini, anche a Caserta si attende la legge. Previsti premi a punti per i maggiorenni

Da quando il Premier Giuseppe Conte ha lanciato la sua personale battaglia contro l’evasione fiscale, in tutti i centri urbani e commerciali del nostro Paese sono iniziati un po’ di tremori in materia di conti e scontrini.

Anche a Caserta numerosi i commercianti che cercano di mettersi in pari con l’installazione dei Pos, considerando le future sanzioni previste per chi non li utilizza ma anche le annunciate agevolazioni fiscali per chi ne farà un uso costante e tracciabile.

È il piano del Governo annunciato dal premier Conte per combattere l’evasione fiscale passa anche dagli incentivi per l’uso dei pagamenti elettronici.

Malgrado Conte non sia entrato nel dettaglio, la ricetta sarebbe innanzitutto quella di disincentivare l’uso del contante, premiando con detrazioni o piccoli rimborsi chi sceglie la moneta elettronica, riducendo le commissioni su carte e bancomat per gli esercenti e dando invece finalmente multe per chi non installa il pos.

La novità consisterà in nuovi scontrini ai quali sarà abbinata una lotteria nazionale con estrazione mensile. Ogni scontrino, un codice: il tutto per incentivare tutti a richiederlo, naturalmente (e in caso di vincita, una percentuale spetterà anche al negoziante). Non solo: probabilità di vincita raddoppiata per chi utilizza la moneta elettronica.

Aperta ai soli maggiorenni, bisognerà fornire il proprio codice fiscale al momento dell’acquisto. Tutti gli scontrini, a partire da un euro, danno la possibilità di partecipare. Non si partecipa in automatico: se non si dà il codice fiscale, non si gareggia. Infine, non sarà necessario conservare decine di scontrini cartacei: basterà accedere al sito dell’Agenzia delle entrate per ottenere in un clic il proprio riepilogo personale.

La lotteria degli scontrini, prima concepita e annunciata, poi rimandata è ora finalmente all’orizzonte con l’avvio previsto della grande macchina telematica che, secondo le stime, a regime dovrà potenzialmente gestire fino a 30-35 miliardi di scontrini battuti nel prossimo anno in Italia. Se ne parlerà a gennaio 2020, tenetevi pronti.

Loading...