Luca Rossi all’ex Caserma Sacchi con Giovanni Parrillo e i Kalifoo Ground Music System

L'evento, promosso dalla rete progetto #SPRAR in collaborazione col Comune di Caserta

Musica e cibo che racconteranno storie di radici, passioni, ribellioni e lotte, venerdì 20 dicembre, alle 21 presso l’Ex Caserma Sacchi, in via San Gennaro 4, a Caserta un appuntamento che coinvolge la città attiva.

L’Ex Caserma Sacchi è una parte bellissima quanto poco conosciuta, del patrimonio comunale di Caserta. Già sede degli uffici anagrafe e politiche sociali del Comune, accolte in alcune stanze, delle associazioni cittadine.

E’ lo spazio individuato dal Comune di Caserta per diventare la “Casa del Sociale” e dare un tetto al Centro Sociale Ex Canapificio e a Nero e Non Solo Onlus, rimaste senza una sede nel corso del 2019. Nell’attesa che questa proposta diventi finalmente atto concreto, invitiamo i cittadini a vivere questi meravigliosi spazi, in gran parte inutilizzati benché pronti all’uso.
Luca Rossi, il percussionista casertano che nelle sue melodie rivela tutti i segreti e le sonorità dei tamburi a cornice, attraverso i ritmi contadini e il richiamo della madre terra.


La musica di Luca accompagna da tempo le iniziative multietniche e solidali del Centro Sociale Ex Canapificio e per la prima volta, la sua tammorra e i suoni di Giovanni Parillo faranno vibrare i cortili dell’Ex Caserma Sacchi.
Opening: Kalifoo Ground Music System. ”Una posse di neri e di italiani. Il nome che hanno scelto ricorda la vita dei clandestini e degli “schiavi a giornata”, in fila ogni giorno per qualche ora di lavoro mal pagata, e i loro testi sono il megafono di un intera comunità.


KALIFOO è il termine con il quale gli immigrati vengono etichettati in Libia durante il loro soggiorno di transito verso l’Italia, significa “schiavo a giornata”. Dirotteranno con i loro ritmi direttamente alla Caserma Sacchi
Integrazione, inclusione sociale, scambio di culture: unica risposta alla barbarie crescente, alla politica di odio cui non ci piegheremo mai!

L’evento, promosso dalla rete che gestisce il progetto #SPRAR di Caserta, è organizzato in collaborazione con gli assessorati alla cultura, agli eventi e alle politiche sociali di Caserta.

#SiamoTuttiCentroSocialeExCanapificio
#STAYHUMAN