Mafalde con fagiolini e pomodoro

Mafalde con fagiolini e pomodoro

Il fagiolino, detto mangiatutto perché è commestibile sia il baccello che i semi era coltivato già nel 6000 a.c. e anche prima, in Messico e, in seguito con le tribù migranti,anche in altre aree dell’America. Vennero portati in Europa da colombo nel 1493 dopo il secondo viaggio. Sono ottimi per la salute, diuretici, depurativi e aiutano lo scheletro.

Contengono un mix di calcio, fosforo, vitamina A, K e B12 che consente la rigenerazione ossea, indispensabile per chi ha problemi di articolazioni e alle donne in menopausa per la prevenzione dell’osteoporosi.

Ingredienti per 4 persone
200 gr di fagiolini lavati puliti e sbollentate
350 gr di pasta
250 gr di polpa di pomodoro
1 mazzetto di basilico
1 spicchio di aglio
50gr di parmigiano grattugiato
Olio extra vergine di oliva
Sale q.b

Preparazione
In una pentola, olio extra 5 cucchiai, lo spicchio di aglio, soffriggere qualche secondo, aggiungere la polpa, il basilico e mezzo cucchiaino raso di sale fino, mezzo bicchiere di acqua e far cucinare una mezz’ora. Quando il sughetto si sarà ristretto di circa la metà, eliminare l’aglio e aggiungere i fagiolini lessati.

Far insaporire un altra decina di minuti. Intanto in acqua bollente salata, cuocere la pasta, in questo caso le Mafalde e cuocerle al dente. Condire la pasta con abbondante sugo e fagiolini e il parmigiano. Terminate il piatto con un filo di olio extra vergine e foglie di basilico.