Mani Tese cerca 100 volontari a Caserta per sostenere l’emancipazione delle donne africane

Mani Tese cerca 100 volontari a Caserta per sostenere l'emancipazione delle donne africane
SANCARLO50-700
delpicar700
ENJOY1
previous arrow
next arrow

Mani Tese, in collaborazione con laFeltrinelli, è alla ricerca di 100 volontari/e a Caserta per impacchettare regali e sostenere i suoi progetti a favore dell’indipendenza delle donne in Benin, Burkina Faso e Guinea-Bissau.

Torna la grande campagna di raccolta fondi natalizia di Mani Tese “Molto più di un pacchetto regalo!” in collaborazione con laFeltrinelli.

Per realizzarla, Mani Tese Mani Tese cerca 100 volontari/e a Caserta che vogliano dedicare qualche ora del proprio tempo per impacchettare regali presso le Librerie Feltrinelli dal 2 al 24 dicembre 2022 e sostenere così i progetti dell’ONG a favore dell’emancipazione delle donne in Benin, Burkina Faso e Guinea-Bissau.

Sul sito www.manitese.it, nella nella pagina dedicata alla città è possibile visionare la lista delle librerie interessate.


Donne al centro


Molto più di un pacchetto regalo! è un’iniziativa di sensibilizzazione e di raccolta fondi di Mani Tese realizzata in collaborazione con laFeltrinelli, che ogni anno, nel periodo prenatalizio, raccoglie fondi per realizzare progetti di sviluppo nel Sud del mondo.
 
Donne al centro” è il nome della campagna 2022, giunta ormai alla sua XV edizione, che quest’anno sosterrà i progetti di Mani Tese per favorire l’emancipazione delle donne in Africa Occidentale contrastando la violenza di genere, l’abbandono scolastico delle ragazze e favorendo l’autonomia economica delle donne in tre Paesi dell’Africa Occidentale: Benin, Burkina Faso e Guinea-Bissau. 
 
La campagna interesserà 35 città e 45 librerie in tutta Italia.

 

Il potenziale inespresso delle donne africane


In Africa troppe donne non possono decidere del proprio futuro. Su di loro pesa ancora il carico della famiglia – 1/3 delle donne ha un figlio prima dei 18 anni – che faticano a sostenere a causa della loro scarsa scolarizzazione e delle difficoltà ad accedere a opportunità lavorative.
Il 51% delle donne in ambito rurale, inoltre, vive all’interno di un nucleo familiare dove il marito prende tutte le decisioni.
 
L’impegno di emancipazione delle donne di Mani Tese inizia dalle più piccole, in Benin,dove l’abbandono scolastico è elevato soprattutto tra le ragazze e nelle zone rurali e rappresenta una delle prime cause dell’aumento del traffico di minori. Secondo un rapporto dell’Unicef del 2020, un/a bambino/a su due (52,2%) è coinvolto nel lavoro minorile, e quasi 4 su 10 lavorano in condizioni pericolose. L’intervento di Mani Tese coinvolge 600 ragazze nel dipartimento dell’Atacora, uno dei meno avanzati economicamente del Paese, attraverso seminari e incontri di sensibilizzazione per garantire la scolarizzazione delle bambine.
 
Rendere economicamente autonome le donne è un altro passo importante per permettere loro di far valere i propri diritti. Per raggiungere questo obiettivo, sempre inBenin Mani Tese è impegnata nel potenziamento delle capacità produttive e di trasformazione di prodotti della tradizione locale coinvolgendo 562 contadine in un percorso di conoscenza dell’agroecologia e accompagnando altre 527 donne nell’avvio della produzione di pomodori, okra, cavolo, fagioli, piselli e melanzane.
 
In Burkina Faso, Paese a basso reddito dove l’economia si basa in gran parte sull’agricoltura ma la cui produzione non soddisfa il fabbisogno delle persone, Mani Tese è impegnata da anni nel rafforzamento dell’imprenditoria femminile, attualmente nell’ambito della filiera del riso con l’avvio di 10 centri dedicati, ma anche nella produzione di pomodoro e cipolla. È inoltre impegnata nel coinvolgimento di 70 donne in un importante processo di transizione agroecologica delle loro attività agricole.
 
In Guinea-Bissau Mani Tese è invece impegnata nel supporto alle vittime di violenza di genere. Su 978 donne intervistate da Mani Tese che hanno indicato di avere o aver avuto un partner, 613 hanno dichiarato di aver subito violenza. Oltre al lavoro di coordinamento e sensibilizzazione con gli attori chiave per creare un contesto di prevenzione della violenza sulle donne, Mani Tese è qui impegnata a fornire assistenza educativa, psicosociale e legale alle donne ospitate in due centri di accoglienza per vittime di violenza di genere e a favorirne il loro reinserimento sociale attraverso percorsi di formazione (in sartoria e panificazione) per poterne garantire l’indipendenza economica.
A questo lavoro si affianca anche la creazione di nuove opportunità economiche per le donne, in particolare giovani e con disabilità, attraverso attività di formazione professionale, borse di studio, tirocini, apprendistati e il sostegno di microimprese femminili.

Come partecipare alla campagna


Per partecipare a Molto più di un pacchetto regalo! è sufficiente avere 16 anni compiuti e almeno 4 ore di tempo da dedicare all’attività di volontariato.

È possibile iscriversi direttamente online

A proposito di Mani Tese
Mani Tese è un’Organizzazione Non Governativa che da oltre cinquant’anni si batte per la giustizia sociale, economica e ambientale nel mondo. Opera in Africa, Asia e America Latina con progetti di cooperazione internazionale. In Italia promuove progetti, campi di volontariato e stili di vita improntati alla solidarietà e alla sostenibilità attraverso migliaia di volontari attivi sul territorio. Realizza inoltre percorsi e laboratori di Educazione alla Cittadinanza Globale.
 
A proposito di Librerie Feltrinelli
Sono da sempre luoghi di scambio e divulgazione del sapere, con una forte attenzione per il libro a larga diffusione e dedicati a tutte le persone che sono alla ricerca di nuove idee, stimoli, visioni. Hanno una presenza capillare sul territorio nazionale, che conta oltre 100 punti vendita totali. Le librerie Feltrinelli organizzano ogni anno oltre 3.000 eventi culturali e hanno un’offerta di più di 200.000 titoli. Sono leader in Italia nei settori del libro, della musica e dell’home video.